Livorno, 9 ottobre 2017 - "Trenta milioni di euro destinati ai lavoratori di Livorno e Piombino che hanno esaurito gli ammortizzatori sociali sono stati bloccati". La denuncia arriva dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil  che contestano il mancato via libera all'erogazione, da parte dell'Inps.   "Sono stati bloccati dall'alto, è un muro di gomma che non si riesce ad abbattere", accusa Riccardo Cerza, segretario generale della Cisl Toscana, che ha parlato a margine della presentazione della mobilitazione del 14 ottobre per la manovra di bilancio. La questione è stata affrontata anche nell'incontro dei sindacati coi parlamentari del territorio, ma «su questo abbiamo notato una certa rassegnazione da parte dei parlamentari», ammette Annalisa Nocentini, segretaria generale della Uil Toscana.