Quotidiano Nazionale logo
1 dic 2021

Aamps entra in Retiambiente, il piano rifiuti

Il Comune di Livorno sarà socio con il 33% delle quote. Cinque isole ecologiche, impianto per sfalci e potature e il caso inceneritore

Dalla fine di novembre Aamps passerà in Retiambiente e il Comune di Livorno sarà socio di maggioranza con il 33% (32,98%) di quote. Per il futuro a Livorno avrà un impianto per trattare sfalci, potature e umido più altre 5 stazioni ecologiche. Per il presidente di Retiambiente Daniele Fortini: "Gli inceritori non si possono chiudere a breve perché sevono ancora". Tutto questo è stato annunciato ieri in Comune. Fanno parte di Retiambiente 100 Comuni delle province di Livorno, Pisa, Lucca e Massa Carrara. Retiambiente è ora il gestore unico del ciclo integrato dei rifiuti per l’Ambito Territoriale Ottimale (Ato) Toscana Costa. "Con questa operazione non ci saranno cambiamenti nella conduzione dei servizi.- hanno garantito l’assessore Gianfranco Simoncini e l’assessore Giovanna Cepparello - Sul territorio livornese continueranno ad essere garantiti da Aamps quale società operativa locale di Retiambiente". "Grazie a questo passaggio abbiamo realizzato un altro obiettivo del programma di questa amministrazione. – ha detto il sindaco Luca Salvetti - Inoltre Livorno ora è di nuovo al centro del sistema regionale della raccolta dei rifiuti". In proposito Simoncini ha sottolineato: "Ora il Comune di Livorno e Aamps sono pienamente protagonisti del lavoro per la definizione delle proposte di progetto per il Piano nazionale di ripresa e resilienza. Retiambiente, infatti, è stata incaricata da da Ato Toscana Costa quale gestione dei fondi del Pnrr". Il presidente di Retiambiente Daniele Fortini ha sottolineato infatti: "Entro metà di febbraio presenteremo i progetti per il Pnrr per un totale di 90 milioni di euro, con investimenti per tutto il territorio e con orientamento legato all’economia circolare". Fortini sul futuro delle discariche ha detto: "Per Ue solo il 10% rifiuti dovrà andare in discarica entro il 2035. Occorre cosi aumentare la differenziata e il riciclo. Lo vogliamo fare entro 5 anni". Per gli inceneritori: "Il trattamento ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?