Livorno, 10 marzo 2018 - Le versioni discordano. E rispetto al comunicato diffuso dai carabinieri pochi giorni fa le più di 2.000 visualizzazioni che ha fatto registrare un video caricato su Facebook danno un’idea ben diversa di quanto accaduto. La vicenda in questione è quella relativa ad una presunta aggressione che sarebbe avvenuta a bordo di un autobus lunedì scorso, 5 marzo, sulla linea blu della Lam. Secondo quanto emerso dalla prima ricostruzione delle forze dell’ordine infatti un cittadino cinese di 38 anni, aveva aggredito un controllore donna nel momento in cui gli era stato chiesto di esibire il biglietto di viaggio. Alla domanda l’uomo avrebbe provocato una colluttazione, costrigendo poi l’autista dell’autobus a fermare il mezzo all’altezza di piazza della Repubblica. Una volta scesi la colluttazione sarebbe proseguita, con il 38enne che avrebbe strappato il blocchetto delle contravvenzioni dalle mani della donna, accompagnata poi al pronto soccorso con evidenti segni di percosse al volto e alle mani.

L’uomo è stato denunciato per violenza e resistenza a incaricato di pubblico servizio. Nelle ore successive al fatto però ha cominciato a girare un video su Facebook dove si vede che le cose procedere in maniera diversa. Si nota che il 38enne di origine cinese ha problemi motori e sembrerebbe invalido, e si nota anche come i due controllori saliti a bordo del mezzo si rendano protagonisti di spintoni e parole grosse a danno del cinese. Mentre Ctt Nord sta procedendo con un’indagine interna per accertare il reale andamento dei fatti anche i carabinieri hanno acquisito il video che stava circolando in rete. «Sono in corso ulteriori accertamenti – hanno fatto sapere i carabinieri – per cercare di comprendere quanto accaduto e ad individuare le responsabilità di tutti i protagonisti». Di certo c’è che le due versioni, quella dei carabinieri e quella del video girato da una passeggera nel momento della collutazione, sono evidentemente in contrasto l’una con l’altra.