Quotidiano Nazionale logo
9 gen 2022

"Banche, garantite servizi nei piccoli borghi"

L’appello di Gragnoli, consigliere provinciale di Fdi, in una mozione: "La popolazione anziana non è pronta all’internet banking"

Gli anziani non sono pronti ai servizi internet
Gli anziani non sono pronti ai servizi internet
Gli anziani non sono pronti ai servizi internet

"La presidente della Provincia Marida Bessi deve attivarsi per presentare formale richiesta al Presidente del consiglio dei Ministri, al Ministro dell’Economia, ai presidenti di Camera e Senato e al Presidente della Regione Toscana perché diventino parte attiva di un processo di mediazione con gli istituti di credito per favorire nuove aperture di sportelli nel territorio della provincia". L’appello di Benito Gragnoli capogruppod i Fratelli d’Italia in consiglio provinciale è racchiuso in una mozione idnirizzata alla Presidente Bessi. Un appello che mette il dito su un problema reale: la difficoltà di molti anziani di raggiungere sportelli bancari e anche quelli postali. Gragnoli ricorda che la Provincia di Livorno è un territorio che si estende da nord a sud per oltre 100 chilometri e le appartengono 19 comuni di cui 8 su realtà insulari con collegamenti spesso difficili da comune a comune considerato l’aspetto morfologico che rende più difficile la circolazione ed i collegamenti ed anche la realizzazione di opere di viabilità. "Gli istituti bancari svolgono un servizio pubblico essenziale come disciplinato dalla legge 146 del 1990 e che negli ultimi 10 anni sono stati chiusi sul territorio nazionale oltre 9000 sportelli bancari. La popolazione non è preparata all’internet banking. Anche nella nostra provincia abbiamo comuni che ormai sul loro territorio hanno un servizio scadente. Si ricorda che nel comune di Capraia è stata chiusa l’unica filiale presente sull’isola e nel comune di Sassetta è presente solo il bancomat e l’unica filiale è aperta un giorno a settimana. Anche Bolgheri non è stato risparmiato dal taglio degli sportelli e l’unica filiale è stata chiusa. La Regione Toscana ha destinato in passato risorse considerevoli alle aree interne con azioni urgenti e risorse a sostegno delle zone disagiate ma se da un lato si investono denari per cercare di attenuare il gap tra zone ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?