Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
22 mag 2022

Boom di iscrizioni ai corsi di uncinetto

Cappelli, sciarpe, top estivi. Virginia Risaliti spiega:. "Ha anche un effetto. terapeutico: è rilassante"

22 mag 2022
Virginia Risaliti,. 24 anni, laureata in lingue e letterature straniere
Virginia Risaliti,. 24 anni, laureata in lingue e letterature straniere
Virginia Risaliti,. 24 anni, laureata in lingue e letterature straniere
Virginia Risaliti,. 24 anni, laureata in lingue e letterature straniere
Virginia Risaliti,. 24 anni, laureata in lingue e letterature straniere
Virginia Risaliti,. 24 anni, laureata in lingue e letterature straniere

Nell’ambito dei workshop organizzati dalle associazioni NesiCorea e Diecidicembre - Arciragazzi Livorno, il laboratorio gratuito di uncinetto sarà tenuto da Virginia Risaliti, che su Instagram è @zazzeknits, 24 anni, laureata in lingue e letterature straniere, lavora nel servizio di portierato dell’Università di Pisa, ma nel tempo libero, oltre a creare a maglia e ad uncinetto, frequenta una scuola professionalizzante di cucito.

L’associazione NesiCorea, che

ha come scopi principali il perseguire servizi ed attività socio – educativo – culturali nel quartiereCorea di Livorno e il corso gratuito è una delle tante iniziative promosse.

Virginia Risaliti ha scoperto la sua passione durante il lockdown, quando si è affacciata per curiosità al mondo dell’uncinetto e della maglia, frequentando dei workshop e dei tutorial online. Nel giro di un mese ha imparato a cucire i primi cappelli, ma teneva tutto per sé, poi spinta dagli amici e dal fidanzato si è messa in gioco su Instagram, e oggi la sua passione è diventata un secondo lavoro, grazie alla vendita di cappelli e sciarpe fatte a mano, ma presto si lancerà anche con top estivi, borse e maglie.

Virginia tiene i piedi per terra, ma sogna di continuare gli studi in Inghilterra, portando sempre con sé la sua passione, magari insegnandola ad altre persone. Nel workshop che propone il progetto è di insegnare i due punti base per lavorare con l’uncinetto, in modo da far appassionare i partecipanti fino a creare una "mattonella della nonna" e un cappello in cotone, per poi lasciarli liberi di continuare ad approfondire per conto loro.

Le iscrizioni sono già piene, e anzi ci sono state richieste in esubero rispetto ai posti. Virginia spera che questi workshop siano il primo di tanti altri progetti, e pensa che avranno una buona ricaduta sul tessuto sociale del quartiere e della città, dato che questi corsi servono a tirare fuori dalle persone hobby e passioni, che "spesso hanno anche un effetto terapeutico, rilassante, e aiutano a concentrarsi, come lo hanno avuto con me".

Simone Bacci

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?