Due cuccioli di dogo argentino
Due cuccioli di dogo argentino

Massa, 9 giugno 2019 - Rossano e Brenda, i cuccioli di cinque mesi di dogo argentino spariti dall’appezzamento di Ca’ di Cecco una decina di giorni fa stanno bene, sono sani e salvi, e presto torneranno a casa. L’epilogo di questa vicenda che ai padroni dei due cuccioli, fratello e sorella, era apparsa immediatamente molto strana e anomala, si è svolto a Livorno, dove Brenda e Rossano erano stati portati nel viaggio che hanno fatto dal giorno della loro

scomparsa. Una vicenda che ha come sfondo una sorta di traffico di cani che ora è al vaglio delle forze dell’ordine.

Se Brenda e Rossano sono stati tratti in salvo lo si deve all’amore dei loro padroni, ma anche all’impegno prezioso dei carabinieri forestali di Massa e agli agenti delle Volanti di Livorno che hanno gestito l’intervento conclusivo di venerdì sera quando i cuccioli sono stati ritrovati in un appezzamento di terreno in una zona di campagna della città dei Quattro Mori, poco distante al centro.

Brenda e Rossano stanno bene, sono stati portati a Rosignano in un canile. Come prevede la prassi saranno sottoposti ai controlli necessari e nei prossimi giorni potrebbero tornare a casa, nell’appezzamento di terreno sopra Pariana da dove erano misteriosamente scomparsi nei giorni scorsi.

Rigoroso il riserbo degli investigatori su una brutta vicenda che potrebbe avere degli importanti risvolti. Da quanto è stato possibile apprendere i cuccioli sono stati prelevati da Pariana e portati via: le persone che hanno preso i cuccioli, quando si sono rese conto che gli investigatori stavano lavorando con professionalità, hanno deciso di collaborare. E così dopo giorni di capillari indagini seguite in prima persona anche dai padroni dei cani e dal presidente del consiglio comunale Stefano Benedetti e dopo appelli e messaggi anche sui social, venerdì sera c’è stato il blitz a Livorno dove i cuccioli erano stati portati.

Sono stati momenti delicati ed è stato necessario l’intervento della polizia, degli agenti delle Volanti. "Vogliamo ringraziare - dice Luca G. che con la compagna rappresenta la “famiglia” di Rossano e Brenda - i carabinieri forestali per la professionalità e per come hanno seguito questa storia e vogliamo ringraziare anche la Questura di Livorno. Rossano e Brenda sono salvi".

Ora spetterà alle forze dell’ordine valutare i risvolti di questa vicenda che ha messo in luce una sorta di traffico dei cani di razza e uno sfondo sconcertante. E sarà compito delle forze dell’ordine valutare il comportamento delle persone che con ruoli diversi sono rimaste coinvolte nella sparizione dei due cuccioli di dogo argentino. Non sono esclusi quindi altri clamorosi sviluppi.

maria nudi