Quotidiano Nazionale logo
25 mar 2022

Caro bolletta, lampioni meno luminosi

Campiglia, il Comune imposterà la modalità ’mezzanotte’ per ridurre le spese energetiche

Lavori ai lampioni
Lavori ai lampioni
Lavori ai lampioni

Caro bolletta, l’Amministrazione comunale corre ai ripari e anticipa la modalità ‘mezzanotte’. Da lunedì 28 marzo il Comune imposterà in via temporanea una diversa gestione dell’illuminazione pubblica, anticipando sostanzialmente ciò che avviene alla mezzanotte. I lampioni funzioneranno prevalentemente in via alternata, lasciando acceso uno corpo illuminante si e l’altro no. In alcune zone dove si hanno i lampioni a led ed è tecnicamente impossibile alternare l’accensione delle lampade, sarà impostato un livello più basso di illuminazione, attenuando in maniera automatica il flusso luminoso degli apparecchi di circa il 30% rispetto alla totalità della potenza, così da avere come conseguenza lo stesso risultato. "Questa sperimentazione temporanea cerca di dare una necessaria e dovuta risposta attraverso la trasformazione dei nostri consuetudinari comportamenti che non possono perpetrarsi immutati indipendentemente dal contesto nel quale viviamo – evidenzia il sindaco Alberta Ticciati – e questa piccola azione, consapevole e responsabile, riteniamo possa essere un piccolo, ma importante contributo volto al rispetto e alla maggior tutela dell’ambiente nel quale viviamo, oltre a prendere atto del grave conflitto russo-ucraino che sta fortemente condizionando il nostro Paese anche dal punto di vista economico". Per il Comune di Campiglia le risorse messe a bilancio, corrispondenti all’importo dell’anno passato con una maggiorazione del 25% cioè una somma complessiva di 300.000 euro, consentiranno di coprire le spese soltanto, probabilmente, fino a luglio e, questo, per la sola illuminazione pubblica. "È evidente che quanto sta accadendo - osserva il sindaco - dovrà necessariamente spingere ad una riflessione e ad una trasformazione, o meglio ad una evoluzione, dell’Europa che oggi conosciamo e del suo rapporto con gli altri stati".

Per approfondire, nel bilancio 20212023 furono programmati sul capitolo della pubblica illuminazione 280.000 euro. Col bilancio 20222024 sono stati stanziati 300.000 euro, quindi 20.000. Nell’anno 2021 la spesa per la pubblica illuminazione è stata di 227.900,82 euro pari a un trend mensile di circa 18.000 euro. Oggi sono arrivate al comune le fatture dei mesi di gennaio e febbraio 2022. Quella di gennaio ha un importo di 48.045,67 mentre quella di febbraio è di 37.179,61 che porta ad un totale, per solo i primi due mesi, di 85.225,28. Un raffronto con lo scorso anno evidenzia che gennaio 2021 segnò una spesa di 26.266,15 e a febbraio 2021 la spesa fu di 21.408,97, sostanzialmente quest’anno la spesa è quasi il doppio dell’anno scorso.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?