Quotidiano Nazionale logo
10 feb 2022

Cicale Operose ospitano Jonathan Rizzo

Appuntamento il 13 febbraio alle 18. Maristella Diotaiuti dialoga con l’autore

Il poeta Jonathan Rizzo sarà ospite de Le Cicale Operose domenica 13 febbraio alle 18
Il poeta Jonathan Rizzo sarà ospite de Le Cicale Operose domenica 13 febbraio alle 18
Il poeta Jonathan Rizzo sarà ospite de Le Cicale Operose domenica 13 febbraio alle 18

Febbraio ricco di appuntamenti per Le Cicale Operose. Il gruppo di lettura delle Cicale ha appena terminato la lettura dell’ultimo libro “La parte di Malvasia”, di Gilda Policastro. Martedì 15 febbraio ci sarà un incontro per scegliere il nuovo libro. Gli incontri di lettura del martedì sono liberi e aperti a tutte e a tutti. Si propone cena al termine della lettura, per un momento conviviale con lei partecipanti. Per prenotare: 3472993159. Domenica 13 febbraio alle 18 Jonathan Rizzo presenta ’Le scarpe del flâneur’. Ensemble Editore. Introduce: Maristella Diotaiuti. Siamo lieti di ospitare il poeta Jonathan Rizzo che legge, per il gentile pubblico, poesie della sua ultima silloge “Le scarpe del flâneur”, edizioni Ensemble di Roma. Un incontro in cui si manifesta il rapporto tra oralità e scrittura, grazie al talento del poeta elbano parigino. “Le scarpe del flâneur” è una raccolta che racchiude le passeggiate sognanti ed innamorate del poeta sui boulevards parigini dai drammatici giorni degli attentati a “Charlie Hebdo” ed al “Bataclan” fino ai nostri giorni di quarantena planetaria vista da un vagabondo scrittore nella tradizione dei grandi poeti passeggiatori francesi da Baudelaire ad Apollinaire. Il libro, impreziosito dalla prefazione del filosofo Marco Incardona e dalla copertina del disegnatore Davide Lanzini, gode di una geografia nomade senza confini con testi in italiano, francese ed inglese e di un’anima gitana nemica di ogni muro umano e culturale, come il suo autore. Maristella (Le Cicale Operose) dialoga con l’autore. Marco Incardona: "Jonathan Rizzo non è poeta che si lascia imbrigliare dalle facili maglie di una critica letteraria, men che meno da quelle di una breve introduzione alla sua raccolta Le scarpe del flâneur. La sua è una poesia corporale, della presenza, del suo farsi e del suo dirsi, per poi disfarsi nel vortice degli attimi da vivere fino in fondo. Forse ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?