Quotidiano Nazionale logo
23 mar 2022

Livorno, Darsena Europa: firmato il contratto per il via ai lavori

Guerrieri: "Un momento importante per Livorno, la Toscana e la portualità nazionale"

AUTORITA PORTUALE FIRMA DARSENA EUROPA
Firmato il via ai lavori per Darsena Europa (Novi)

Livorno, 23 marzo 2022 - Firmato oggi il contratto per la realizzazione delle opere a mare che di fatto darà il via alla prima fase per la concreta realizzazione della Piattaforma Europa nel porto di Livorno, il progetto di espansione a mare dello scalo. «Oggi sento un po' questo momento, nonostante la mia esperienza amministrativa. Un momento importante per Livorno la Toscana e la portualità nazionale», ha detto Luciano Guerrieri presidente dell'Autorità portuale e commissario straordinario, in apertura della cerimonia della firma con il raggruppamento temporaneo di impresa formato da Fincantieri Infrastructure Opere Marittime, Società Italiana Dragaggi, Sales e Fincosit, toscano.

Alla firma hanno assistito anche il presidente della Regione Eugenio Giani e il sindaco di Livorno Luca Salvetti. «Il momento è veramente importante - ha proseguito Guerrieri - viene a valle di tutta una serie di attività di gara e di progettazione. Una fase molto intensa non è stato facile arrivare qui. Quello di oggi è un punto di partenza per altre attività di progettazione e di verifica. Contiamo però di concludere con una consegna dei lavori definitiva in autunno.

Nel mezzo ci saranno consegne di lavori parziali a partire dai prossimi giorni». Per Guerrieri «la data fatidica è il 2026 per quella data noi ci stiamo preparando per avere una situazione logistica portuale e infrastrutturale che sia realmente competitiva e ci possa consentire di essere realmente attrattivi e efficienti». Si è dunque firmato il contratto di appalto da 377 milioni di euro per la realizzazione delle opere marittime di difesa e dei dragaggi previsti nella nuova prima fase di attuazione della Piattaforma Europa. «L'opera da realizzare è enorme - ha detto il procuratore speciale Carlo Alberto Marcon Marconi, in rappresentanza del raggruppamento di imprese che si è aggiudicato la gara - è l'opera di ingegneria più importante da realizzare nel nostro paese e anche in un tempo relativamente breve: entro il 2026 o poco oltre. I numeri parlano da soli, 16 milioni di metri cubi di dragaggi, 4,6 km di diga foranea e dighe interne per 2,3 km».

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?