Livorno, 11 marzo 2018 - Da Miami, dove è si è appena concluso il salone mondiale delle crociere, arriva la conferma che la stagione 2018 per il nostro porto sarà migliore di quella appena completata. Non ancora grandi salti in avanti: ma quasi il 4% di incremento, dopo una stagione che aveva un profondo rosso di quasi il 10%, è comunque un buon segnale.

E il neopresidente della Porto 2000 Luciano Guerrieri, raggiunto ieri mattina al telefono mentre era in aeroporto per il rientro, ha confermato che l’interesse per la stagione è alto. «In termini di previsioni a largo raggio – ci ha detto Guerrieri – stimiamo che la stagione 2018 potrà raggiungere e forse anche superare le 750 mila presenze». La Porto 2000 non è stata con le mani in mano, in attesa che venga definitivamente formalizzato il risultato della gara di privatizzazione che ne assegna la gestione ai gruppi Onorato e Mediterranean Shipping Company. Oltre ai rapporti con le grandi compagnie e i brokers, il management guidato da Guerrieri ha sviluppato anche nuove iniziative di “sistema”, per coinvolgere sia Piombino e le zone degli etruschi, sia l’isola d’Elba con i suoi siti storici (Napoleone) e turistici. Lo stand della Porto 2000 è stato presentato all’interno del grande spazio di Assoporti, così come tutti gli altri stand delle crociere dei porti italiani. «Abbiamo così potuto confrontarci più facilmente – sottolinea Guerrieri – ed avviare anche politiche di coordinamento che puntino non a farci concorrenza tra italiani ma a richiamare sui porti italiani i croceristi stranieri».

Ancora una volta saranno le grandi compagnie a fare il mercato. E quest’anno la Mediterranea Shipping Company di Aponte risulterà la prima del settore, battendo anche la Costa, che fa parte del gruppo americano Carnival. Anche questo gruppo comunque sarà presente sul nostro porto non numerose toccate e altrettanti brand. Alle compagnie piace molto, in particolare, l’utilizzo della Fortezza Vecchia. Piace meno la “polverizzazione” degli accosti nei momenti di punta, ma la Porto 2000 ha presentato i propri progetti per la creazione del grande terminal tra l’Alto Fondale e l’Orlando che risolverà definitivamente la programmazione degli attracchi. E che punta a battere il record assoluto di qualche anno fa di oltre 1 milione di croceristi.Nella classifica nazionale Livorno rimane quinta dopo Civitavecchia, Venezia, Napoli e Savona.