Quotidiano Nazionale logo
15 dic 2021

Dal percolato acqua per un laghetto coi pesci

Rosignano, nuovo impianto di trattamento dei reflui. Un investimento di 3,7 milioni di euro, lavori al via per il processo innovativo

Il presidente di Scapigliato Alessandro Giari
Il presidente di Scapigliato Alessandro Giari
Il presidente di Scapigliato Alessandro Giari

Scapigliato, al via i lavori per la costruzione del nuovo impianto di trattamento del percolato. Ad eseguirli sarà il Consorzio Abils, per un investimento di 3,7 milioni di euro. Sono al via, infatti, i lavori, affidati tramite bando di gara al Consorzio Abils, una realtà toscana con esperienza pluriennale nella costruzione di opere pubbliche. Grazie a questa nuova infrastruttura migliorerà ulteriormente il processo di gestione del percolato, ovvero il rifiuto che si forma dal processo di infiltrazione delle acque piovane e meteoriche e dalla degradazione della componente organica dei rifiuti all’interno del corpo di discarica. La composizione chimica del percolato dipende essenzialmente dalla tipologia dei rifiuti conferiti in discarica, e poiché a Scapigliato possono essere smaltiti solo rifiuti non pericolosi, anche il percolato che si forma è un rifiuto non pericoloso. In ogni caso, al fine di rispettare le normative vigenti in termini di tutela dell’ambiente, il Polo impiantistico è già dotato di una rete di raccolta posta sul fondo e sulla sommità della discarica, equipaggiata con delle pompe automatiche che estraggono il liquido, convogliandolo in un sistema di vasche, per poi andare a confluire in 9 grandi silos; da qui, attualmente il percolato viene prelevato ed inviato tramite autocisterne a trattamento finale presso impianti terzi autorizzati. Con la realizzazione del nuovo impianto di trattamento del percolato, il traffico veicolare indotto calerà dunque in modo netto, con una diminuzione pari al 70% e con conseguenti minori impatti ambientali. In passato (fino al marzo del 2017) a Scapigliato era in funzione un impianto di trattamento del percolato prodotto dalla discarica, che veniva quindi trattato in loco, ma adesso la scelta della Società non è stata semplicemente quella di tornare ad avere un proprio impianto di trattamento, bensì di puntare su una nuova ed innovativa tipologia impiantistica. Il nuovo impianto di trattamento ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?