Quotidiano Nazionale logo
13 gen 2022

Dimesso senza vestiti, l’Asl indaga

Piombino, le scuse dell’azienda sanitaria e i provvedimenti. Intanto a Suvereto più servizi per il medico

Erano indignati anche i volontari
Erano indignati anche i volontari
Erano indignati anche i volontari

Villamarina, paziente dimesso senza abiti, l’Asl si scusa. Il caso del signore dimesso dall’ospedale di Piombino, che avevamo pubblicato dopo la denuncia della figlia, è stato attentamente analizzato dagli operatori sanitari in uno specifico audit al quale hanno partecipato le diverse componenti ospedaliere e che ha portato ad un’azione di miglioramento. L’Azienda Usl Toscana nord ovest sta infatti elaborando un’istruzione operativa che servirà al personale come lista di controllo per consentire la dimissione in sicurezza di ogni paziente. "Innanzitutto – evidenzia la Asl – comprendiamo le osservazioni dei familiari e ci scusiamo con loro e con il paziente per quanto accaduto e, soprattutto, avremmo piacere di incontrarli, anche per chiarire come si sono svolti i fatti". "Dall’incontro è emerso che l’8 gennaio scorso, giorno delle dimissioni del signore, è stata una giornata complessa per la strutture piombinese: nove dimissioni, quasi tutte di persone fragili e non autosufficienti e un ricovero urgente dal pronto soccorso. E’ importante anche sottolineare che è prassi, da parte degli operatori, effettuare un attento controllo dello stato generale del paziente in dimissione, con particolare attenzione all’igiene e alla vestizione". Nel caso specifico spiega l’Asl, durante il pomeriggio, intorno alle 15, "in reparto sono arrivati i volontari dell’associazione per accompagnare il paziente al domicilio, nel frattempo si stavano mettendo in atto tutte le azioni per poter effettuare un ricovero urgente, che ha richiesto lo spostamento di altri ricoverati. L’operatore socio sanitario presente nel setting dove si trovava il paziente, ha visto il signore sulla barella allontanarsi dal reparto accompagnato dal personale del volontariato, coperto da un lenzuolo ed un giaccone personale. Sia i volontari, sia gli operatori socio sanitari, hanno pensato che l’utente fosse stato preparato alla dimissione da altri colleghi e quindi lo hanno lasciato uscire. Sicuramente, ciò non giustifica quanto è avvenuto ma, una maggiore ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?