Quotidiano Nazionale logo
24 mar 2022

Livorno, tensione al Limoncino. "Sono stata strattonata, parte la denuncia"

Caos intorno alla discarica con il muro contro muro tra il Comitato di cittadini e la società Livrea

Livorno, 25 marzo 2022 - ​I rapporti tra il Comitato contro la discarica del Limoncino e la società Livrea si sono di nuovo deteriorati ieri mattina fino al punto che una donna è finita al pronto soccorso. Un camion carico di rifiuti si è presentato di nuovo in via del Limoncino e la tensione è salita alle stelle perché il Comitato si è opposto.

Andrea Campi, consulente tecnico di Livrea con Paolo Bellabarba direttore tecnico di Livrea si sono presentati al presidio manifestando l’intenzione di far valere i propri diritti, cioè far arrivare il camion alla discarica. Sono intervenuti così i carabinieri e gli agenti della Digos. In un crescendo di tensione e tra scambi di accuse reciproche, non appena i carabinieri si sono allontanati, Bellabarba e Campi hanno dato ordine al camion di muovere verso la discarica.

Il pesante mezzo ha iniziato a procedere mentre la gente del Comitato e gli ambientalisti protestavano per quello che hanno definito "un atto unilaterale e una forzatura illegittima".

Mentre accadeva tutto questo, una donna del Comitato, Graziella Rossini, è stata afferrata per un braccio e allontanata mentre si stava avvicinando per filmare il camion. Per il Comitato "è stata strattonata con violenza da Bellabarba. Abbiamo chiamato un’ambulanza ed è stata portata al pronto soccorso. È stata dimessa con una prognosi di dieci giorni. Graziella ha sporto denuncia contro Paolo Bellabarba".

Invece Paolo Bellabarba ha respinto ogni accusa: "Non è vero che ho starattonato la signora Rossini. L’ho solo allontanata per precauzione dal camion in transito, per evitare che venisse schiacciata. Comunque sia lungi da me qualsiasi intenzione di arrecarle un danno".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?