Quotidiano Nazionale logo
29 dic 2021

Edilizia, spuntano nuove regole

Piombino, l’assessore Parodi: "Vogliamo favorire una maggiore semplificazione delle procedure"

Norme più chiare e semplici in grado di tutelare il territorio, ma allo stesso tempo dare risposte ai cittadini e alle imprese. Il Comune di Piombino ha avviato la revisione del Regolamento edilizio: una scelta dettata dalla necessità di adeguarlo al nuovo quadro normativo e regolamentare e alle più recenti esigenze espresse dal settore dell’edilizia. Saranno coinvolti tutti i cittadini e gli operatori del settore con una campagna di ascolto. Proritari la riqualificazione del patrimonio costruito, le mutate esigenze abitative e imprenditoriali. Tutto sulla scorta del continuo monitoraggio, sia da parte degli uffici comunali preposti che dal mondo dei professionisti e degli operatori del settore sulla funzionalità dello strumento. "Vogliamo dotare la città di un regolamento che, nei limiti dell’autonomia dell’ente locale, possa favorire una maggiore semplificazione e univocità di applicazione e interpretazione – commenta Giuliano Parodi, assessore all’Urbanistica – allo scopo di creare un documento che risponda concretamente alle esigenze del settore, a gennaio inizierà #Regoliamoci, la campagna di ascolto orientata a raccogliere contributi, proposte e segnalazioni da parte di cittadini e, soprattutto, operatori del settore in questa prima fase di avvio dei lavori". Una campagna di ascolto che servirà a implementare i temi oggetto di revisione già individuati dal Comune tra i quali spiccano la digitalizzazione dell’accesso ai servizi dedicati a cittadini e professionisti, l’adeguamento degli arredi degli spazi pubblici e privati, i requisiti energetici, il decoro urbano, il piano del colore e, soprattutto, l’adeguamento del patrimonio edilizio esistente finalizzato al superamento delle barriere architettoniche. "La trasformazione economica e sociale di una comunità – conclude Parodi – passa anche attraverso la pianificazione territoriale che crea i contesti dove favorire e sviluppare opportunità di lavoro e migliorare la qualità della vita dei propri cittadini. In quest’ottica, la revisione degli strumenti di pianificazione è indispensabile. Piano Strutturale d’area, Piano operativo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?