Quotidiano Nazionale logo
27 mar 2022

Elio canta Jannacci sul palco del Solvay

Elio canta Jannacci. Sul palco del Teatro Solvay per la stagione organizzata dal Comune di Rosignano Marittimo con la Fondazione Toscana Spettacolo e la Fondazione Armunia, martedì 29 marzo alle 21.15 arriva Elio con ‘Ci vuole orecchio, Elio canta e recita Enzo Jannacci’. Nella coloratissima scenografia di Lorenza Gioberti, disegnata da Giorgio Gallione, Elio con cinque musicisti (Seby Burgio pianoforte, Martino Malacrida batteria, Pietro Martinelli basso e contrabbasso, Sophia Tomelleri sassofono, Giulio Tullio trombone) formano un’insolita e bizzarra carovana sonora. A loro il compito di accompagnare lo scoppiettante confronto tra due saltimbanchi della musica, alle prese con un repertorio umano e musicale sconfinato e irripetibile, arricchito da scritti e pensieri di compagni di strada, reali o ideali, di "schizzo" Jannacci. Da Beppe Viola a Cesare Zavattini, da Franco Loi a Michele Serra, da Umberto Eco a Fo o a Gadda. Enzo Jannacci, il poetastro come amava definirsi, è stato il cantautore più eccentrico e personale della storia della canzone italiana, in grado di intrecciare temi e stili apparentemente inconciliabili: allegria e tristezza, tragedia e farsa, gioia e malinconia. Prevendita biglietti solo tramite circuito Ticketone e iIl giorno dello spettacolo al Teatro Solvay dalle ore 18.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?