Quotidiano Nazionale logo
1 mag 2022

Franchi si dimette E ora pensa al partito

L’ex sindaco ha lasciato lo staff di Del Ghingaro e smentisce le voci che lo davano alla Scapigliato

michela berti
Cronaca
Alessandro Franchi
Alessandro Franchi
Alessandro Franchi

di Michela Berti

Livorno

Si è dimesso dall’incarico di capo gabinetto del sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro. Alessandro Franchi, segretario della federazione del Pd di Livorno, ha dovuto fare una scelta perchè l’incarico politico e quello lavorativo non erano più conciliabili. La scelta si è resa necessaria all’indomani dello scontro tra Del Ghingaro e il Pd. Vicende squisitamente versiliesi che però hanno messo Franchi in una posizione molto scomoda. Così, dopo qualche settimana di riflessione e forse qualche garanzia in più sul suo futuro lavorativo, Franchi ha lasciato Viareggio.

"Ora mi guardo intorno – dice – perchè comunque devo trovare un’occupazione" e smentisce categoricamente le voci che lo davano in quota Scapigliato – la società di Rosignano che gestisce la discarica – al posto del presidente Alessandro Giari che è anche sindaco di Castellina. "Assolutamente no, potete chiedere anche alla società" dice Franchi che però non si tira indietro a qualche domanda sul recente documento varato dalle federazioni Pd della costa.

"Noi abbiamo chiesto questo coordinamento – spiega – per unire le federazioni costiere".

Scusi segretario, ma se qui non riuscite ad unire Livorno con Piombino, come pensate di fare altre fusioni che coinvolgono territori ben più distanti?

"Con Piombino stiamo lavorando insieme su tante cose. Dalla sanità alle infrastrutture. Il percorso è comune. Penso all’Autorità portuale, è la stessa. La linea è tracciata, ed è sicuramente quella di andare all’unione delle due federazioni".

Ma questo matrimonio ’non s’ha da fare...’

"Va fatto, ma con i tempi giusti. Le forzature non si possono fare".

Quindi con Piombino e poi le altre città costiere cercate di alzare il tiro sulla Regione?

"Il nostro obiettivo non è lo scontro, la segreteria regionale è in linea con questo percorso. Vogliamo attivare un dialogo costruttivo sul Pnrr, fondi europei per invertire questo ritardo della costa, aumentare il livello di crescita dei nostri territori. Il piano regionale di sviluppo, è fondamentale per rilanciare la costa e noi ci siamo".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?