Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
22 mag 2022

"I ministri snobbano Piombino"

L’affondo della Federazione Pd: "Silenzio assordante a due mesi dall’annuncio del rigassificatore"

22 mag 2022

"Cingolani e Giorgetti, totale disinteresse per Piombino". La denuncia arriva dal Pd, dalla Federazione e dell’Unione comunale, ricordando che sono passati ormai due mesi dall’annuncio dell’ipotesi di un rigassificatore nel porto piombinese. Ma il Pd attacca fortemente anche il Governo – di cui ne fa parte – che "si ricorda della città solo per promuovere operazioni impopolari e mai per sostenerla nel suo tentativo di risollevarsi da una crisi ormai lunghissima".

"Continua il silenzio del Governo sull’ipotesi di installazione del rigassificatore a Piombino e le poche informazioni che si registrano arrivano solo da indiscrezioni giornalistiche – incalzano i segretari della Federazione Simone De Rosas e dell’Unione Andrea Baldassarri - i ministri che gestiscono questa vicenda, il ministro dello Sviluppo Economico leghista Giorgetti e il ministro della transizione ecologica Cingolani hanno assunto nei confronti della città un atteggiamento di totale disinteresse. A nulla è servita la chiacchierata del sindaco di Piombino con Cingolani, se non a qualche foto e post su Facebook. E a nulla è servita anche la visita della delegazione leghista di questi giorni a Roma, nessuno dei due ministri, infatti, si è mai presentato in città, quantomeno per vedere il porto e magari per assumere iniziative di informazione verso la cittadinanza, per spiegare il progetto e per rassicurare chi esprime giuste e legittime preoccupazioni. Anche le imposizioni, come si prefigurerebbe questa del rigassificatore, avrebbero bisogno di un ruolo di governo per un’operazione certamente importante per il Paese ma che, a Piombino, impatterebbe su un territorio già gravato da problemi ambientali significativi che da anni chiedono impegni precisi da parte dello Stato. Impegni costantemente siglati e poi disattesi. In compenso, da quello che si legge, il governo avrebbe deciso di andare avanti in tempi rapidissimi affidando la partita dei rigassificatori a un commissario, slegato dalle istituzioni territoriali, e che avrà poteri pressoché assoluti, compreso quello di derogare a procedure per noi irrinunciabili, come la Valutazione di Impatto Ambientale. Non si comprende perchè i poteri commissariali siano oggi così importanti per il rigassificatore e non lo siano stati nei mesi e negli anni scorsi per affrontare la bonifica del Sin di Piombino e perchè il ministro Giorgetti, il cui intervento è stato più volte sollecitato non abbia mostrato per la città lo stesso interesse che oggi mette per il rigassificatore. Il silenzio fa sempre più pensare che, per questi due ministri, l’installazione del rigassificatore non sarebbe in alcun modo legata a un interesse nuovo e concreto del Governo per Piombino e per le sue tante criticità".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?