Laila Volpi, Federico Mirabelli segretario. del Pd e Bruno Bastodi
Laila Volpi, Federico Mirabelli segretario. del Pd e Bruno Bastodi
Va avanti la campagna ‘Conversazioni urbane #LivornoBella’ voluta dall’Unione comunale del Pd, avviata a ottobre grazie al contributo dei Circoli territoriali e della Conferenza delle Donne Democratiche. Laila Volpi, Federico Mirabelli segretario dell’Unione comunale del Pd e Bruno Bastodi (con il contributo di Irene Sassetti) illustrano le nuove tappe delle conversazioni urbane per i quartieri, vere e proprie occasioni di incontro con residenti e commercianti per fare il punto sui problemi e le necessità a cui dare risposte. "Dopo gli appuntamenti di ottobre - spiega Miranelli - eccoci qui a presentare il nuovo calendario con la mappa degli incontri tutti come...

Va avanti la campagna ‘Conversazioni urbane #LivornoBella’ voluta dall’Unione comunale del Pd, avviata a ottobre grazie al contributo dei Circoli territoriali e della Conferenza delle Donne Democratiche.

Laila Volpi, Federico Mirabelli segretario dell’Unione comunale del Pd e Bruno Bastodi (con il contributo di Irene Sassetti) illustrano le nuove tappe delle conversazioni urbane per i quartieri, vere e proprie occasioni di incontro con residenti e commercianti per fare il punto sui problemi e le necessità a cui dare risposte.

"Dopo gli appuntamenti di ottobre - spiega Miranelli - eccoci qui a presentare il nuovo calendario con la mappa degli incontri tutti come sempre organizzati di sabato: il 27 novembre quartiere Fabbricotti dalle 9.30 davanti all’ ingresso di villa Fabbricotti Fabbricotti lato viale della libertà. Il 4 dicembre alla Leccia 9.30 davanti alla Conad, 11 dicembre per Antignano e Banditella a Marilia. 18 dicembre per il Pentagono del Buontalenti davanti ai 4 Mori e l’8 gennaio alla Cigna davanti alle ex scuole Camilli". Prosegue Mirabelli: “Invitiamo i cittadini a elencare problemi delle zone sulla mail conv.urbane@gmail.com. O sulla pagina facebook. Cosi possono essere protagonisti e noi possiamo orientare il giro nei quartieri in base ai loro suggerimenti. Tutto questo servirà per scrivere un report da consegnare all’amministrazione comunale perché prenda provvedimenti mirati. Abbiamo notato intanto che i cittadini sono diventati molto attenti alla cura della città”. Mirabelli precisa inoltre: "Ci occuperemo anche degli impianti sportivi. Nel 2020 andammo al campetto di calcio di via Giolitti a Shangai che era in stato di abbandono. Dopo questo passaggio si intervenne per la sua sistemazione. Andremo avanti così su questa strada contando anche sulle segnalazioni delle società sportive. Giorni fa, cambiando genere di segnalazione, indicammo la necessità di spostare la campana del vetro davanti alla stazione della funicolare in piazza delle Carrozze . Stamani (ieri, mdr) abbiamo verificato che è stata spostata. Sempre per Montenero sono stati avviati interventi per la frana di via del Pino". Frana già segnalata da La Nazione l’anno scorso e anche pochi mesi fa.

Ancora Mirabelli ricorda: “Per viale Italia sulla Bellana in relazione al bando per le periferie che prevede la realizzazione di una pistaciclabile e di un’area pedonale, abbiamo fatto delle proposte al Comune per tentare il recupero di alcuni posti che si possono prenderanno. Ci potrebbe essere spazio all’ex deposito Atl e si pottebbero recuperare posti a lisca di pesce in via della Bassata dopo il liceo Enriques. Attendiamo la risposta dell’amministrazione". Conclude Mirabelli: "Dal confronto diretto con i cittadini è scaturito a Montenero come altrove che mancano luoghi di ritrovo e aggregazione. Dentro la stazione della Funicolare ci sono spazi inutilizzati sui quali si potrebbe aprire una riflessione".

Bruno Bastogi sottolinea sua volta: "La pagina Facebook e la mail sono strumenti utili per i cittadini per portare alla nostra attenzione i problemi dei quartieri e per mettere noi in condizioni di anticipare alcune risposte dove possibile". Laila Volpi osserva invece: "Le passeggiate urbane sono uno strumento di mediazione tra cittadini e Comune, ma anche un mezzo per mettere a fuoco la fruibilità dei quartieri declinata al femminile".