Quotidiano Nazionale logo
18 dic 2021

"Il flusso al pronto soccorso deve essere alleggerito"

Fials di nuovo all’attacco dopo i focolai divampati dentro l’ospedale

"Il Pronto Soccorso è la porta di ingresso all’ospedale per chiunque. Sarebbe stato necessario alleggerire il flusso di persone al suo interno realizzando una struttura prefabbricata tra l’ex ottavo padiglione e lo stesso reparto di emergenza-urgenza, creando così un percorso specifico e separato per i casi sospetti Covid. Per realizzarla però era necessario investire oltre che sulla struttura, anche sul personale necessario a farla funzionare. Non è stato fatta perché mancava il personale". A dirlo è Daniela Boem, dirigente del sindacato Fials Sanità. Proprio lei aveva lanciato l’allarme il 12 dicembre, da queste colonne, sui focolai Covid all’interno delle degenze di medicina e chirurgia dell’ospedale di Livorno. Dopodiché l’Azienda Usl Toscana nord ovest ha confermato che i pazienti positivi al coronavirus "sono 14, tutti senza sintomi, nei reparti di medicina, chirurgia, più ortopedia". Altri 30 sono stati messi in quarantena (a casa o in ospedale). Si attende adesso l’esito dei controlli di laboratorio (in corso a Pisa) per stabilire se si tratti delle variante Delta, o Omicron. Sempre Daniela Boem precisa: "Letizia Casani, direttore generale dell’Asl nel gennaio 2021 promise la struttura prefabbricata per Livorno che fungesse da pre-triage per valutare la condizione dei pazienti sospetti covid e per ricoverarli in caso di conferma della diagnosi. Doveva servire per non intaccare i posti letto di medicina, salvaguardandoli per le altre patologie. Tale struttura doveva essere modulare, da ampliare e ridurre in base al bisogno. Doveva essere attrezzata con i macchinari necessari. All’epoca c’erano le risorse economiche per farla, ma è rimasta sulla carta per mancanza del personale". Sempre riguardo al personale sanitario dell’ospedale aggiunge: "La situazione e drammatica. Sarà difficilissimo con le attuali carenze di organico affrontare la quarta ondata covid qualora dovesse esplodere. A meno che la Regione e l’Azienda Usl non procedano con massicce assunzioni straordinarie come nel ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?