Quotidiano Nazionale logo
31 dic 2021

"Il Governo aiuti il lavoro in porto"

Livorno, la battaglia dei parlamentari del Pd Romano e Gariglio per le imprese in crisi per la pandemia

Il lavoro in porto
Il lavoro in porto
Il lavoro in porto

I deputati del Partito Democratico Davide Gariglio e Andrea Romano intervengono per dare la sveglia al Governo sulla questione ancora irrisolta dei sostegni economici alle imprese portuali per l’emergenza covid. I lavoratori portuali di Livorno, sostenuti dalla Filt Cgil hanno fatto sciopero per rivendicare questo aiuto e anche interventi più efficaci per salvaguardare sicurezza e salute della categoria. "Sono necessarie nuove tutele e nuove norme per i lavoratori portuali. - scrivono così gli onorevoli Gariglio e Romano rivolgendosi al Governo - L’ordine del giorno approvato dalla Camera dei Deputati relativo alla Legge di Bilancio, rappresenta un impegno vincolante per il Governo nei confronti di una categoria penalizzata. L’atto di indirizzo impegna l’esecutivo ad estendere i sostegni alle imprese portuali disposti per l’emergenza covid fino al 30 giugno 2022 e a creare un fondo di accompagnamento all’esodo per i lavoratori portuali. Viene inoltre rimarcata la necessità di istituire un apposito fondo per le Autorità di sistema portuale finalizzato al risarcimento dei lavoratori colpiti da patologie causate dall’amianto". Sottolineano i due parlamentari del Pd: "Si tratta di misure sule quali il Governo si era già impegnato con le associazioni di categoria, ma che non si sono poi concretizzate nella Legge di Bilancio. Il tempo delle promesse è scaduto".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?