Quotidiano Nazionale logo
12 dic 2021

’Il piccolo Marat’ conquista il Teatro Goldoni

Oggi alle 16 la replica dell’opera di Mascagni allestita per il centenario della sua composizione

michele manzotti
Cronaca
’Il piccolo Marat’ di Pietro Mascagni, edizione del centenario, in scena al Teatro Goldoni di Livorno, scatto di Augusto Bizzi
’Il piccolo Marat’ di Pietro Mascagni, edizione del centenario, in scena al Teatro Goldoni di Livorno, scatto di Augusto Bizzi
’Il piccolo Marat’ di Pietro Mascagni, edizione del centenario, in scena al Teatro Goldoni di Livorno, scatto di Augusto Bizzi

di Michele Manzotti La città ha ritrovato un altro tassello di uno dei suoi figli più famosi, Pietro Mascagni e lo ha festeggiato con una lunga serie di applausi dedicata a ogni cantante che si presentava in scena a fine rappresentazione. Il recupero de “Il piccolo Marat”, allestito dal Teatro Goldoni e in replica oggi alle 16, a cento anni dalla sua composizione è stato un modo per onorare il maestro livornese, che il grande pubblico conosce solo per “Cavalleria rusticana” (e qualche volta anche “Iris”), ma non per il resto della produzione che vede un catalogo molto ampio. “Il piccolo Marat”, su libretto di Giovacchino Forzano ebbe inoltre un grande successo sin da quando fu rappresentato nel 1921 al Teatro Costanzi di Roma. D’altra parte, ascoltandola oggi, si comprende come all’epoca l’opera andasse incontro ai gusti del pubblico per la sua ampia sonorità orchestrale e per le voci portate ad accentuare i sentimenti e le caratteristiche dei personaggi. La proposta al Goldoni, dopo un’assenza dalla città dal 1989 quando fu rappresentata a Villa Mimbelli, ha visto la regia di Sarah Schinasi muoversi in una Francia dove il tardo settecento si mescola ad ambientazioni e costumi legati a quelli del secondo conflitto mondiale per evidenziare l’atmosfera del terrore giacobino. Un’idea corretta che forse però non convince fino in fondo nel primo atto, nei momenti con le scene corali, mentre funziona meglio negli altri due. In questo contesto si muovono i personaggi con ’Il piccolo Marat’ del tenore Samuele Simoncini, la cui voce sa affrontare bene e con sicurezza lo stile verista, e con l’Orco del basso Andrea Silvestrelli autorevole nella parte scenica e vocale. Il soprano Valentina Boi riesce a dare al personaggio di Mariella il giusto impeto giovanile con una prova valida. Tra gli altri ruoli ricordiamo le ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?