Quotidiano Nazionale logo
8 feb 2022

Il tarlo asiatico è stato sconfitto, controlli in porto

L’eradicazione di questo insetto è stata possibile grazie ai cani-fiuto

Il fiuto dei cani per individuare il tarlo asiatico
Il fiuto dei cani per individuare il tarlo asiatico
Il fiuto dei cani per individuare il tarlo asiatico

Il tarlo asiatico è stato sconfitto, eradicato dalla provincia di Pistoia grazie anche al fiuto di Fido. A contribuire in modo netto alla vittoria contro il tarlo asiatico sono stati gli "Sniffer dog", cani da fiuto appositamente addestrati per il rilevamento di larve dell’Anoplophora chinensis e in grado di intercettarle all’interno delle piante ospiti. I cani hanno passato al setaccio vari quartieri, evidenziando la presenza degli insetti e indicando così agli operatori gli alberi da abbattere. "L’eradicazione di questo pericoloso insetto è un evento di grande soddisfazione – ha detto l’assessore regionale Stefania Saccardi –. Un successo riconosciuto anche dalla Commissione europea che, testimoniando la validità e la cura che abbiamo impiegato, riconosce l’impegno e la qualità dell’intervento che risulta per la sua portata unico in Italia. La battaglia non finisce qua". Parte delle piante rimosse nei giardini privati sono state invece sostituite a titolo gratuito dalle associazioni dei vivaisti pistoiesi. Finita la fase di eradicazione continueranno i controlli. Questi avvengono attraverso una serie di trappole collocate in luoghi strategici come il porto di Livorno e Carrara, l’interporto di Prato e quello labronico, ma anche le grandi arterie di collegamento fra la costa e le zone interne. Le trappole sono in grado di attrarre e catturare i maschi adulti, nel momento in cui raggiungono la maturità e volano via dalla pianta.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?