Quotidiano Nazionale logo
12 gen 2022

"In Giappone con la bandiera di Livorno"

Il sindaco Luca Salvetti ha consegnato una pergamena a Giulia Aringhieri campionessa di sitting volley

Il sindaco Luca Salvetti ringrazia la campionessa sportiva Giulia Aringhieri, a fianco il figlio
Il sindaco Luca Salvetti ringrazia la campionessa sportiva Giulia Aringhieri, a fianco il figlio
Il sindaco Luca Salvetti ringrazia la campionessa sportiva Giulia Aringhieri, a fianco il figlio

Carattere e determinazione, grinta e passione. Ancora una volta Livorno ha deciso di omaggiare una delle proprio eccellenze nel campo sportivo. Ecco che, dopo Ambra Sabatini, Elena Pietrini, Simona Pierucci, Maria Sole Ferrieri Caputi e Carina Vitulano un’altra atleta internazionale entra nella storia della città. È stata infatti premiata per meriti sportivi Giulia Aringhieri, ennesima sportiva livornese che si è contraddistinta a livello mondiale con risultati eccelsi. La campionessa di sitting volley infatti si è distinta nella stagione non solo per la partecipazione ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020, ma anche per una grande finale agli Europei in Turchia. "Con grande forza d’animo, applicazione e talento Giulia è diventata un punto di riferimento in una competizione specifica come il sitting volley che ha una componente di attenzione, fatica e sforzo da sottolineare – ha detto il sindaco Luca Salvetti - Oltre a questo l’obiettivo di questa Amministrazione è che gli sport paralimpici diventino un pregio e un tratto distintivo della nostra città che, tra poco, sarà palcoscenico di una tappa del giro d’Italia dell’handbike". Non solo riconoscimenti di squadra, la livornese 33enne infatti, proprio nel corso dei campionati Europei, è stata eletta come ‘Miglior Muro di Italia’: "La prima partita alle Olimpiadi contro il Giappone è quella che ricordo meglio, le atlete giapponesi sono sorridenti e trasmettevano accoglienza nonostante fosse la gara inaugurale. Il posticipo della manifestazione ci ha fatto tremare perché avevamo sacrificato tanto tempo. A livello personale? La finale degli Europei contro la Russia è stata speciale". Nonostante i tanti chilometri che la separavano da casa sua, il pensiero era sempre rivolto verso la sua città: "In Giappone mi sono portata una bandiera di Livorno che mi ha dato mio padre, la volevo veramente insieme a me perché rappresenta la famiglia, gli amici, le persone che ci sostengono. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?