Quotidiano Nazionale logo
10 feb 2022

Invitalia, valutazione bassa per Jsw

Piombino, la due diligence avrebbe messo in evidenza un valore liimitato dell’azienda. Il vertice

Il carico delle rotaie al porto
Il carico delle rotaie al porto
Il carico delle rotaie al porto

Invitalia ha espresso un’ipotesi di valutazione sul valore dello stabilimento. Per Jindal l’ipotesi è inaccettabile. A comunicarlo a Fim, Fiom e Uilm sono stati i vertici aziendali durante l’incontro che si è tenuto ieri per un aggiornamento. All’incontro con i segretari Fim, Fiom e Uilm provinciali erano presenti per il gruppo JSsw il vicepresidente Marco Carrai, il presidente Bubbar, il direttore Asawale e il direttore del personale Luca Faenzi. Siamo stati informati che dopo mesi di Due-Diligence, "Invitalia per la prima volta ha espresso un’ipotesi di valutazione sul valore dello stabilimento – hanno detto i sindacati - un’ipotesi che, a detta del gruppo Jsw è ancora lontana dai valori immaginati dalla proprietà durante i confronti tenutisi co Invitalia in questi mesi. Il confronto con l’Agenzia di Stato, secondo i dirigenti Jsw, comunque prosegue ed è prevista nelle prossime ore una call per valutare se esistono spazi per ulteriori controproposte e trattative". Il gruppo indiano ha dichiarato che considerata "anche la congiuntura favorevole del mercato dell’acciaio e la decisione d’insediarsi in Europa, d’essere intenzionato ad investire comunque a Piombino. Una dichiarazione stride con una realtà – continuano Fim, Fiom e Uilm - che, le organizzazioni sindacali hanno rappresentato, ossia che fino ad oggi Jindal è stato totalmente inadempiente senza rispettare nessuno degli impegni assunti con i lavoratori e con il territorio, che si sente totalmente tradito. Adesso è il momento di andare oltre gli sporadici annunci ed impegni. Questi ulteriori 12 mesi d’ammortizzatori, conquistati principalmente grazie alla caparbietà del sindacato, devono essere propedeutici a mettere in campo azioni ed investimenti concreti. L’obiettivo delle organizzazioni sindacali Fim, Fiom e Uilm resta la tutela del polo siderurgico piombinese e di migliaia di famiglie. Non ci siamo mai potuti scegliere gli imprenditori né abbiamo fatto il tifo per alcuni, semmai ci siamo battuti - ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?