"L’ospedale di Portoferraio non è un corpo estraneo al resto del sistema sanitario ma opera sempre in rete con questo, in modo da offrire ai cittadini elbani la migliore accessibilità e tempestività di cure possibile" E’ quanto ci tiene a precisare l’Asl Toscana Nord Ovest in merito ai servizi offerti dalla struttura.

"Per far fronte a richieste di specialità chirurgiche o mediche l’Asl già prevede, in base alla tipologia di prestazione, che singoli professionisti siano inviati all’Elba. Altrettanto dicasi per il teleconsulto, già in essere per numerose specialità, per le quali dall’isola vengono inviate immagine diagnostiche gestite in remoto da specialisti. Esiste già, infatti, il sistema di teleconsulenza radiologica che connette tra di loro tutti e 12 i pronto soccorso aziendali, compreso quelle di Portoferraio, grazie al quale è possibile far lavorare a distanza più professionalità su un singolo caso senza necessariamente spostare il paziente. Della rete fa parte anche l’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, in modo da valutare il quadro clinico dei piccoli pazienti". L’Asl si sofferma anche sull’impiego dellla camera iperbarica. "Per utilizzare al meglio questa risorsa tecnologica di ultima generazione - conclude l’azienda - si sta predisponendo un progetto per l’utilizzo anche per altre patologie che hanno a che fare con problemi diabetici, oculistici, di circolazione ai vasi sanguigni delle gambe oppure ortopedici".