Quotidiano Nazionale logo
26 feb 2022

"La nostra acqua all’Elba, ora basta"

I sindaci della Val di Cornia firmano un documento sull’emergenza idrica e chiedono che l’isola sia autonoma

Nuove strategie per l’acqua
Nuove strategie per l’acqua
Nuove strategie per l’acqua

Emergenza idrica, i sindaci della Val di Cornia chiedono risposte chiare e percorsi condivisi. Fra i nodi da sciogliere, e non più rinviabili, c’è quello dell’indipendenza idrica dell’Isola d’Elba. "Anche quest’anno tutti gli indicatori fanno prevedere che dovremo affrontare la solita siccità in Val di Cornia – spiegano i sindaci Jessica Pasquini Suvereto, Alberta Ticciati Campiglia, Paolo Riccucci San Vincenzo, Francesco Ferrari Piombino, Alessandro Scalzini Sassetta - d’altra parte ormai l’emergenza idrica per noi è strutturale ed è destinata ad aggravarsi. Nonostante gli investimenti infrastrutturali, anche significativi, finalizzati al recupero delle acque reflue o alla ricarica della falda, il cuneo salino avanza ed ha ormai raggiunto aree lontanissime dal mare, compromettendo gran parte della risorsa. Di fronte a questo scenario le istituzioni di ogni livello hanno la responsabilità di condividere con i territori un piano chiaro di riduzione dei consumi e degli sprechi e di rigenerazione della falda. Sfortunatamente l’estremizzazione dei fenomeni atmosferici connessi al cambiamento climatico costringono ad una pianificazione ancora più attenta della risorsa e impongono ad ogni livello un approfondimento progettuale inedito. È in questo contesto che chiediamo a tutti i soggetti coinvolti di dare seguito nei tempi più brevi possibili alle misure previste dal Contratto di fiume che possono dare una risposta concreta alle carenze idriche strutturali del nostro territorio. In particolare la logica troppo spesso sottesa agli interventi realizzati in ambito idrico è stata quella di alimentare un sistema non efficiente, moltiplicando lo spreco e impoverendo la risorsa, talvolta in modo irreversibile. Oggi questa logica deve essere sovvertita, e le istituzioni e gli enti hanno il dovere di compiere scelte sostenibili, ragionate e partecipate. Per questo vogliamo che sia apra un confronto aperto e trasparente sul problema idrico: vogliamo capire in modo approfondito la natura della proposta di Asa di realizzare un impianto di dissalazione ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?