Quotidiano Nazionale logo
13 gen 2022

La scomparsa di Mauro d’Ambrogio Il libro ’I miei 60 anni alla Targa’

Nell’estate scorsa aveva dato alle stampe il suo lavoro ricordando l’im pegno per la città e il sociale

Appena il tempo di dare alle stampe la scorsa estate il libro "I miei sessant’anni alla Targa " al quale ha lavorato molto e con il suo solito entusiasmo contagioso , poi dopo una breve ma implacabile malattia è mancato Mauro D’Ambrogio (nella foto), pensionato con alle spalle una vita molto attiva e presente nel tessuto sociale cittadino. Nato nel 1945, commerciante, imprenditore, per anni titolare con la moglie Simonetta Barontini della edicola del centro commerciale Conad Vallescaia, D’Ambrogio ha dedicato energie e tempo alla crescita della Targa Cecina prima da rionale del Palazzaccio poi ad inizio anni’80 a fianco del sindaco Renzo Cioni e l’assessore Piero Neri per la rinascita della manifestazione e la costruzione dei capannoni per i carri allegorici. E al consolidamento dei gemellaggi con Sagunto, Sin e Noble e Ghilching. Profondo conoscitore del territorio e delle sue vocazioni D’Ambrogio negli ultimi vent’anni ha salvato dal degrado l’area all’aperto della Cecinella a Marina di Cecina creando col "Parco dei Pini" un punto di aggregazione di musica, gastronomia e manifestazioni frequentato per sette mesi l’anno e conosciuto in tutta Italia e all’estero grazie ai turisti estivi. Le condoglianze del nostro giornale alla famiglia.

Roberto Ribechini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?