Via del Pino, le proteste dei residenti
Via del Pino, le proteste dei residenti

Livorno, 13 gennaio 2022 - «Entro il mese di gennaio contiamo di dare il via all’intervento di messa in sicurezza di via del Pino tagliata a metà da una frana (che risale al gennaio 2021, ndr). Dovrà intervenire prima Asa per spostare i sottoservizi di acqua, gas e fognatura nera. - annuncia l’ingegnere Luca Barsotti responsabile del settore urbanizzazione, infrastrutture e mobilità del Comune - Il lavoro è stato già appaltato" . Ci siamo rivolti all’amministrazione comunale dopo che i residenti di via del Pino, nella frazione di Savolano, ci avevano riferito che i lavori di messa in sicurezza della strada franata non erano iniziati a novembre, come aveva fatto sapere l’amministrazione stessa.

"Prima di intervenire abbiamo effettuato due sondaggi con perforazione del terreno da cui abbiamo prelevato campioni di materiale analizzati in laboratorio. - prosegue l’ingegnere Barsotti - I risultati ci hanno permesso di confermare il tipo di intervento progettato. Si poteva fare anche a cantiere aperto, ma il direttore dei lavori ha preferito farlo prima. C’è voluto un po’ di tempo, ma è stato meglio così. Per questa ragione è stato posticipato l’avvio del cantiere". Aggiunge: "Dentro i fori praticati nel terreno saranno poi inseriti un inclinometro per misurare eventuali movimenti della frana e un piezometro per misurare la falda acquifera superficiale che potrebbe creare problemi durante i lavori". Conclude l’ingegnere Barsotti: "A monte della frana c’è via del Viperaio lungo la quale è venuta giù l’acqua piovana non regimata che ha contribuito nel tempo il movimento franoso. Questa situazione dovrà essere corretta per prevenire ulteriori problemi".

I residenti di Savolano già un anno fa sottolinearano la situazione anomala di via del Viperaio che si incrocia con via del Pino nel punto franato. "In via del Viperaio ci sono terreni fatti oggetto di più lottizzazioni con una miriade di concessioni edilizie che hanno portato alla costruzione di numerose abitazioni a monte di via del Pino. - il racconto dei residenti - Questa urbanizzazione intensiva temiamo sia in qualche modo collegabile alla frana. Non è stata realizzata una regimazione adeguata delle acque che da monte scorrono a valle e via del Viperaio, dopo anni, non è stata ancora del tutto asfaltata". Infine sempre per via del Pino grazie ai ripetuti interventi de ‘La Nazione’ contattata dai cittadini esasperati, l’11 gennaio sono finalmente stati rimossi i rifiuti dai cassonetti traboccanti da Natale. In via del Catellaccio è stato ritirato l’indifferenziato il 10 gennaio dopo 13 giorni. 

Monica Dolciotti