Quotidiano Nazionale logo
13 apr 2022

Livorno e la movida, la parola passa ai giovani

L’associazione Uni Info News ha lanciato un sondaggio per capire le richieste e le esigenze dei ragazzi

Controlli delle forze dell’ordine in pieno centro (Foto Novi)
Polizia all'incrocio tra via Roma e via Cambini

Livorno, 14 aprile 2022 - Il progetto dell’associazione Uni Info News sui giovani e la movida livornese. Nei mesi scorsi le polemiche tra residenti, commercianti e i giovani, i tre attori protagonisti della cosiddetta “movida”, hanno preso ampio spazio nel dibattito pubblico livornese.

In effetti la questione della vita notturna cittadina è divenuta centrale soprattutto durante il periodo delle restrizioni covid, quando, finito il primo lockdown e riaperte le scuole, i giovani si sono ripresi gli spazi notturni della città, entrando così nel vivo di una querelle che ha visto un susseguirsi di disagi, ordinanze comunali, episodi di degrado e proteste da parte dei tre attori coinvolti.

Di fronte a questa situazione, l’associazione culturale Uni Info News, formata da ragazze e ragazzi under 30 il cui scopo è quello di creare spazi e opportunità di aggregazione, ha elaborato un percorso partecipativo che mira ad attivare i giovani, spingendoli ad interessarsi al dibattito pubblico attorno al tema della vita notturna, per cercare di trovare soluzioni condivise.

"Ci rivolgiamo a tutti i giovani che ogni giorno assistono alla colpevolizzazione della nostra generazione – sostiene il presidente Giovanni Sofia – che viene etichettata come “perduta” e, contemporaneamente, è compianta proprio per la speranza che rappresenta all’interno di questi tempi difficili. Nessuno però ci ha chiesto la nostra opinione".

Il tema della “movida” secondo Uni Info News si intreccia con il turismo e l’assetto urbanistico della nostra città e rappresenta uno snodo centrale che ricadrà proprio sulle nuove generazioni, dunque non può essere affrontato soltanto come sintesi dialettica tra le due fazioni opposte, residenti e commercianti, con i giovani come terzo spettatore".

Il primo passo del percorso partecipativo ideato da Uni Info News consiste nell’elaborazione di un questionario online sul tema della cosiddetta “mala-movida”. Il questionario è visibile sulle pagine social dell’associazione, ma è girato in fretta tra i giovani livornesi.

«Dopo averlo redatto – dicono i promotori di questa iniziativa – abbiamo subito ottenuto più di 400 risposte, e ancora stanno aumentando. Tra queste ci sono moltissime risposte aperte, con riflessioni personali lunghe e articolate, che sarà nostra cura raccogliere e sintetizzare, provando a delineare le opinioni e le tendenze della gioventù livornese con l’intento di presentare proposte concrete". Un bel contributo per cercare di mettere ordine in quella che appare una delle più grandi sfide nelle città.

Simone Bacci

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?