Quotidiano Nazionale logo
15 apr 2022

Pacini: "Il mio impegno per i diritti di tutti"

Nuovo ingresso in consiglio comunale nel gruppo ’Futuro’, dopo le dimissioni di Marco Talini. "Darò voce ai più giovani"

Giorgio Pacini è appena entrato in consiglio comunale
Giorgio Pacini è appena entrato in consiglio comunale
Giorgio Pacini è appena entrato in consiglio comunale

Giorgio Pacini è il nuovo consigliere comunale di Futuro In seguito alle dimissioni di Marco Talini, dal 23 marzo il gruppo consiliare di Futuro ha un nuovo consigliere comunale, è il ventottenne Giorgio Pacini, che lunedì 11 aprile ha fatto il suo primo ingresso nell’aula consigliare, tornata dal vivo dopo un lungo periodo online. Pacini lavora al CAF e Patronato A.I.C., dove si occupa di assistenza fiscale e prestazioni sociali, ha alle spalle un lungo attivismo politico nell’Arcigay di Livorno, in cui ha fatto parte anche del direttivo, e nel Pink Riot di Pisa, sempre come volontario. Il suo impegno politico è nato tra i banchi del liceo e grazie a un’estate di volontariato in Campania con l’associazione Libera, nella cooperativa sociale “Al di là dei sogni”. Ma la principale fonte di motivazione è l’esperienza che ha maturato in questi anni nel suo lavoro e nell’impegno politico in Arcigay e che ha portato avanti in Futuro. È per questo che Giorgio Pacini, che si definisce di sinistra, è interessato ai diritti a 360 gradi: "credo che tra i diritti non esistano gerarchie, diritti sociali e civili sono entrambi inerenti alla persona e dunque penso sia giusto che la politica adotti un approccio intersezionale, il mio impegno politico sarà principalmente su questi temi. Mi preme molto dare voce alle esigenze dei cittadini, specialmente dei più giovani, che sono sempre sottorappresentati. In questo senso le commissioni permettono di portare avanti un tema su più campi, e ora sarà importante affrontare il tema dei fondi del PNRR, e più in generale del lavoro, visto che Livorno ha affrontato una crisi occupazionale senza precedenti". Pacini ha ereditato le commissioni in cui era presente Marco Talini: la commissione affari istituzionali, la commissione bilancio, la commissione pari opportunità e infine la commissione speciale sul covid. Per il suo predecessore ha parole di grande apprezzamento: "Talini continuerà la sua attività politica fuori dal consiglio, con lui ci sono stati contatti significativi, mi ha aiutato molto e continuerà a farlo, ad esempio stiamo già lavorando insieme ad una mozione". Anche il gruppo di maggioranza, la giunta e le opposizioni lo hanno accolto positivamente: "per me è stata una grande emozione, perché il consiglio è anche il luogo dei cittadini". A questo proposito, un altro tema a lui molto caro è quello della partecipazione, in particolare i consigli di quartiere, "è uno strumento per spingere i cittadini a partecipare alla vita pubblica che deve essere prioritario".

Simone Bacci

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?