Daspo per 23 ultras (foto archivio)
Daspo per 23 ultras (foto archivio)

La Spezia, 11 luglio 2019 - Ventitré ultras del Livorno sono stati denunciati per gli scontri avvenuti allo stadio Picco in occasione di Spezia-Livorno lo scorso 27 febbraio. I tifosi, individuati attraverso le telecamere e incrociando i dati della questura di Livorno, dovranno rispondere a vario titolo di reati che vanno da resistenza a pubblico ufficiale a lesioni personali aggravate, da travisamento sino a discriminazione razziale. Questa ultima accusa riguarda un solo tifoso toscano che aveva insultato uno steward di colore. Per tutti è stato avviato anche l'iter per il daspo. Secondo la polizia, la frangia più 'caldà della tifoseria livornese, dove essere entrata allo stadio cercando di eludere i controlli, si era scagliata con calci, pugni, cinghie, aste di bandiere e lanci di oggetti contro gli steward e contro gli agenti della questura spezzina e del reparto mobile di Genova, intervenuti in soccorso degli addetti alla sicurezza. Otto poliziotti e 4 steward avevano subìto lesioni, con referti sino a 20 giorni.