Un momento della tensione in piazza Attias
Un momento della tensione in piazza Attias

Livorno, 20 ottobre 2020 - Bastoni e pietre contro le auto dei carabinieri: è un momento molto grave per Livorno e una parte dei suoi giovani, che mostrano il peggio di loro. Dopo le scene della movida molesta dell'ultimo weekend, adesso altre immagini di tensione e caos arrivano da piazza Attias. Ma non di sera, bensì in un qualunque pomeriggio. Siamo nella zona del Palazzo Coin, dove da tempo i residenti invocano più controlli. Spaccio e risse sono stati più volte segnalati.

A creare problemi i giovani che lì stazionano durante il pomeriggio, dopo la scuola. Sono scattati proprio nel pomeriggio di martedì alcuni controlli dei carabinieri insieme alla Polizia Municipale. Durante i controlli un gruppo di ragazzi si è scagliato contro i militari a più riprese. E quando le auto hanno lasciato piazza Attias il gruppo ha continuato, inseguendole e bersagliandole con sassi e bastoni.

Carabinieri e polizia municipale di Livorno stanno esaminando i filmati a loro disposizione per identificare i ragazz. Secondo la ricostruzione dell'accaduto, la rissa sarebbe scoppiata quando un ragazzo trovato senza mascherina si è rifiutato di fornire le proprie generalità alle forze dell'ordine. Quando il ragazzo è stato fermato per essere portato in caserma, carabinieri e polizia municipale sono stati accerchiati da un folto gruppo di amici del ragazzo fermato - a quanto pare quasi tutti minorenni - ed hanno cominciato a sferrare calci e pugni agli agenti, colpendo poi anche le macchine di servizio con alcuni bastoni. Due vigili urbani sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Il consigliere della Lega Alessandro Perini ha diffuso il video dei disordini. "Ci siamo rotti - si legge nel suo post - di vedere gli agenti con le mani legate presi che vengono presi a calci e sputi da bande di ragazzini fuori controllo. Educazione e rispetto: a Livorno è arrivata l'ora di agire senza buonismi e senza riserve".

La polemica sulla mala-movida infuria da giorni, dopo appunto il weekend fatto di risse, spaccio e fumogeni accesi in piena notte nel quartiere della Venezia, ormai da molti anni ritrovo nel weekend per centinaia di giovani.