La Guardia di finanza
La Guardia di finanza

Piombino (Livorno), 14 gennaio 2020 - Scoperta dalla Guardia di Finanza a Piombino una macelleria che non ha mai presentato le dichiarazioni dei redditi dal 2015 al 2019 e dove il titolare aveva perfino distrutto il registratore di cassa.

Nel negozio c'era solo una frammentaria documentazione contabile, riconducibile a tre diverse partite Iva, usate dal titolare per dissimulare il reale volume di affari. Nonostante la contabilità aziendale disordinata e l'avvenuta distruzione del misuratore fiscale, le Fiamme Gialle sono risalite ai fornitori del commerciante, ai quali è stato inviato un questionario per quantificare costi e ricavi dell'attività d'impresa. Segnalati all'Agenzia delle entrate, per il recupero a tassazione, 333mila euro di redditi non dichiarati e constatata un'Iva evasa per 37mila euro.

Il mancato contribuente è stato qualificato come evasore totale. È un 50enne, marocchino residente a Piombino, che è stato denunciato alla procura per occultamento e distruzione di documenti contabili.