Livorno, 9 giugno 2018 - Su input del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, la scorsa notte la Polizia di Stato ha effettuato anche in Toscana l’operazione "No binge drinkers on highway", finalizzata al controllo a tappeto di chi entra in autostrada ma guida dopo essersi sballato con droga e alcol. Sono stati monitorati in particolare i flussi in ingresso alle barriere autostradali di Firenze Sud, Pisa centro e Livorno, con l’impiego complessivo di trenta pattuglie della Polizia Stradale, supportate da uffici mobili, unità cinofile e auto civetta.

Alla barriera di Firenze sud ha partecipato anche personale sanitario della Polizia di Stato, che ha utilizzato il drug test, lo speciale tampone che serve a scoprire chi guida dopo aver assunto droghe. Sul posto erano presenti anche cinque equipaggi della Questura di Firenze, che ha messo in campo anche un gruppo della Polizia Scientifica, in modo da estendere l’area dell’operazione ad ampio raggio rispetto alle vie di accesso sull’A1.

I controlli hanno interessato 250 veicoli e oltre 300 persone, di cui 21 risultate positive all’etilometro, a cui è stata ritirata la patente. Inoltre, sono stati sequestrati due veicoli senza assicurazione e accertati cinque casi di mancata revisione, nonché fermato un automobilista che guidava senza patente. E’ stato anche predisposto un servizio di controllo della velocità tramite autovelox e telelaser, al cui esito sono state pizzicate le targhe di 216 veicoli che correvano troppo, nei cui confronti sono tuttora in corso le verifiche del caso.

Complessivamente, le infrazioni al codice della strada contestate dalla Stradale sono state più di 150 e i punti defalcati dalle patenti oltre 500.

Tre sono stati gli episodi curiosi. Un uomo di 32 anni, residente in Provincia di Pisa e al volante di una Micra, dopo aver visto tutti quei lampeggianti a Firenze sud ha cercato di eludere il controllo, facendo finta di fermarsi all'alt della Polizia. Ha invece tirato dritto, ma la sua fuga è fallita, poiché è stato inseguito e stretto in una tenaglia dalle pattuglie della Sottosezione di Firenze-nord, che lo hanno fermato a Impruneta. Si è poi scoperto non solo che aveva bevuto troppo, ma che aveva pure sniffato. Infatti Amper, l’infallibile pastore tedesco della Questura di Firenze, ha messo in guardia i suoi colleghi poliziotti, che hanno sottoposto l’uomo al drug test, da cui è risultato positivo a cocaina e hashish.

Il posto di controllo della polizia stradale

Una donna di 52 anni, residente in provincia di Pistoia, è stata intercettata sull'autostrada all'altezza di Scandicci mentre guidava una Yaris in stato confusionale. Una pattuglia l'ha fermata e, dopo l'intervento dei sanitari, si è reso necessario il suo ricovero in ospedale, poiché necessitava di cure.

Un uomo di 54 anni, residente in Provincia di Firenze, era al volante di una Nissan, ma aveva alzato troppo il gomito. I poliziotti della Sezione di Firenze gli hanno ritirato la patente e lui, per tornare a casa, ha dovuto chiamare al telefono la figlia di 20 anni, in quanto non poteva più guidare la sua auto. Appena lei è giunta sul posto, la Polstrada ha accertato che era neopatentata e sobria. Per tale motivo gli agenti le hanno affidato la macchina, su cui lei ha fatto montare il padre, portandoselo a casa.