Quotidiano Nazionale logo
15 mag 2022

Presidente Arci muore per un malore in bici

Intorno alle 13 è caduto. Inutili purtroppo i soccorsi. Il cordoglio del sindaco. di Prato Matteo Biffoni

Era in vacanza a Castiglioncello con un amico per godersi il primo week end dal sapore estivo in questo metà maggio mite.

Ieri Enrico Cavaciocchi, di 64 anni, pratese, architetto, presidente Arci, è uscito in sella alla sua bicicletta per una tranquilla pedalata.

Ma qualcosa è andato storto. La bella giornata di sole è diventata una tragedia. Probabilmente per un malore intorno alle 13 ha perso conoscenza cadendo rovinosamente sull’asfalto della via Auralia a Rosignano. Sul posto sono accorsi i soccorritori della Pubblica Assistenza di Cecina con il medico, che non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo per arresto cardio-circolatorio. In un primo momento era stato allertato anche l’elisoccorso, ma il Pegaso 3 è stato poi fatto rientrare alla base.

E’ intervenuta anche la polizia municipale che ha contatto con il cellulare di Enrico Cavaciocchi l’amico che era in vacanza con lui. Infatti si è recato sul luogo dove è stato ritrovato Cavaciocchi e ne ha confermato le generalità perché era senza documenti.

Il sindaco di Prato Matteo Biffoni ha diffuso ieri un comunicato per eprimere il cordoglio di tutta l’amministrazione e della città per la morte di Enrico Cavaciocchi. "Una morte improvvisa che lascia tutti increduli quella di Enrico Cavaciocchi, architetto, presidente dell’Arci provinciale, a lungo impegnato come dirigente dell’Arci pratese e sempre attivo nell’associazionismo. Una notizia che ci lascia attoniti, se ne va un amico della città e del territorio. Non ci sono parole. Ci stringiamo alla famiglia in questo momento di grande dolore".

Monica Dolciotti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?