Quotidiano Nazionale logo
12 mar 2022

"Rigassificatore, non aggiunge un posto di lavoro sul territorio"

Contrario alla realizzazione di questo impianto il sindacato Usb

Il sindacato Usb ritiene che il progetto del rigassificatore a Piombino non sia una buona idea dal punto di vista occupazionale. E per questo cita come esempio il rigassificatore di Livorno. "Il rigassificatore di Livorno – sostiene Usb – è sostanzialmente una grande nave metaniera (costruita rigorosamente in cantieri navali esteri) collegata ad una stazione gas a terra che funziona da collettore per l’ingresso del metano nella rete. L’iter per la sua installazione è durato 7 anni ed è costato circa un miliardo di euro (soldi in parte sborsati da noi tutti con una maggiorazione in bolletta). Con un impatto occupazionale vicino allo zero e compensazioni ridicole per i Comuni interessati. Arriviamo quindi al punto. Perché si dovrebbe mettere in campo un nuovo investimento tanto consistente per vederne i frutti eventualmente tra anni? Il nostro paese, ma anche la stessa Piombino, hanno bisogno di questo? Con quale faccia i soliti noti si presentano oggi sponsorizzando quest’opera dopo anni di promesse mai mantenute per quanto riguarda l’acciaieria?".

"Partendo dal presupposto – chiude il sindacato – che qualsiasi attività industriale ha bisogno di (tanta) energia, mettere insieme acciaieria e rigassificatore, oltre ad essere scorretto dal punto di vista comunicativo, è un modo per prendere ancora tempo sul futuro del nostro impianto siderurgico".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?