Quotidiano Nazionale logo
20 apr 2022

Venturina, agricoltori da tutta Italia per manifestare contro i rincari

La protesta per l'aumento delle materie prime, danni della fauna selvatica e peste suina 

maila papi
Cronaca

Venturina Terme, 20 aprile 2022 - Un migliaio di agricoltori e circa cento trattori alla manifestazione organizzata dalla Cia che ha visto riuniti i comparti del centro Italia a Venturina. L’agricoltura, hanno spiegato i partecipanti,sta vivendo uno dei periodi più difficili della propria storia recente, accentuato dal conflitto russo-ucraino, a causa del quale si assiste a speculazioni nazionali ed internazionali, come sta accadendo per i costi dei carburanti, energia elettrica, fertilizzanti.
Il reddito dei produttori è da anni in costante calo e la libertà di impresa sempre più condizionata da fattori esterni (cambiamento climatico, diminuzione delle risorse idriche, fauna selvatica, emergenze sanitarie), da vincoli e ritardi amministrativi e da una burocrazia asfissiante.

Non si arresta, infatti, la pressione che, da mesi, si sta abbattendo sull’economia delle imprese agricole. Stavano già risentendo di due anni di pandemia, quando è sopraggiunto il colpo della guerra in Ucraina. La tensione geopolitica internazionale ha acuito la difficolta a uscire dalla crisi, spinta da caro energia e carburante. Inoltre, l’aumento del 300% sui concimi, i rincari sui fertilizzanti del 170%, oltre al raddoppio su mangimi, ha reso la produzione insostenbile, portando il settore agricolo e allevatoriale allo stato attuale di precarietà, agevolata dalle speculazioni sui mercati.

Anche per il Centro Italia resta invariata, poi, l’annosa emergenza fauna selvatica cui si è aggiunta la preoccupazione per la peste suina. Motivo, pure questo, per rilanciare appelli sul tema attraverso la manifestazione di Venturina. Ripetuto da Cia-Agricoltori Italiani su tutto il territorio nazionale, serve una riforma radicale della Legge 157 del 1992. Una normativa troppo datata per riuscire ad affrontare un problema ormai fuori controllo con +111% di cinghiali in circolazione, oltre 200 milioni di danni all’agricoltura e 469 incidenti, anche mortali negli ultimi quattro anni, e lo spettro della peste suina che mesi ha fatto registrare casi allarmanti in Liguria e Piemonte.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?