Quotidiano Nazionale logo
6 mar 2022

Rinnovabili nelle aree industriali

L’assessore Bertini lancia la proposta a tutti i Comuni della val di Cornia per un grande progetto

Ci sono ampi spazi per i pannelli
Ci sono ampi spazi per i pannelli
Ci sono ampi spazi per i pannelli

"Bisogna candidare la Val di Cornia come area di produzione e ricerca del nuovo futuro energetico nazionale". A lanciare la proposta è Nicola Bertini assessore all’urbanistica del Comune di San Vincenzo. "Non avremmo dovuto attendere eventi così drammatici per una svolta risoluta verso l’autosufficienza energetica e la sostenibilità della produzione di energia elettrica, tuttavia il nostro Paese si trova oggi, di fronte ad una delle più grandi fasi di difficoltà della storia, a fronteggiare una vera emergenza senza i necessari strumenti. Ecco perché tornano proposte che avremmo voluto consegnare alla storia e che allontanano sempre più l’obiettivo fondamentale di sostenibilità ambientale, economica e sociale della produzione di energia cambiando semplicemente la catena a cui legare il nostro paese. Sebbene si tratti di problemi internazionali, nel nostro piccolo, abbiamo alcune carte da giocare perché la Val di Cornia ha spazi e infrastrutture disponibili a traguardare un obiettivo di interesse pubblico tra i più impellenti, la costruzione di un piano energetico che contribuisca a mettere al riparo famiglie e imprese dalle imprevedibili crisi internazionali. La risorsa della Val di Cornia è una piana retroportuale, interconnessa ad una dorsale energetica internazionale, con vaste aree da riqualificare e rendere produttive e un tessuto produttivo da ricostruire o rilanciare. Gli investimenti in questo senso sulle energie rinnovabili sono potenzialmente illimitati e possono contemplare anche l’accumulo sotto forma di idrogeno. È noto infatti che il vero limite di solare ed eolico sta nell’impossibilità di immagazzinare facilmente l’energia per usarla dove e quando è necessaria, un limite che attraverso l’idrogeno verde, ricavato cioè solo attraverso l’impiego di fonti rinnovabili, si può risolvere. Progetti come questi devono essere di interesse primario per tutt’Italia e dobbiamo coralmente candidare alla Regione e al Governo la Val di Cornia come area di produzione e ricerca del nuovo futuro energetico nazionale. Per ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?