Laboratorio
Laboratorio

Piombino, 22 marzo 2020 - Rsa San Rocco, nessun altro paziente è positivo. I risultati dei 75 tamponi, effettuati in seguito al primo caso di coronavirus nella Rsa San Rocco di Piombino, sono arrivati ieri mattina. La negatività ha fatto tirare un sospiro di sollievo a molti, un focolaio in una struttura con anziani vulnerabili, avrebbe potuto avere gravi conseguenze. L’Asl venerdì aveva eseguito il tampone su tutti i residenti e gli operatori della struttura: 75 di cui 29 ospiti e 46 operatori, e sono tutti negativi. Quindi, il numero complessivo di casi nella Rsa rimane 5.

Di questi cinque pazienti, due sono ricoverati in ospedale e tre adeguatamente isolati nella Rsa e monitorati dall’Asl. "La notizia mi solleva molto – ha commentato il sindaco Francesco Ferrari - il timore di un focolaio in una simile struttura, i cui residenti sono anziani e, quindi, particolarmente vulnerabili mi preoccupava enormemente. Posso solo immaginare lo stato d’animo degli operatori che lavorano nella struttura e, soprattutto, degli ospiti e dei loro familiari: sono veramente felice che la situazione sia tornata sotto controllo. La mia assoluta gratitudine va all’Asl che è intervenuta tempestivamente con le misure di contenimento del contagio evitando il peggio. Agli operatori di quella struttura e di tutte le altre vanno tutta la mia gratitudine e la mia solidarietà, sono in prima linea nella gestione di questa emergenza".

E intanto il Comitato di salute pubblica chiede che vengano fatti i tamponi a scopo preventivo anche nelle altre Rsa del territorio.