Quotidiano Nazionale logo
26 gen 2022

Livorno, tormentone "Rushenka", parla l'autrice dei vocali: "Io, travolta dalla notorietà"

L'intervista alla donna livornese protagonista degli audio whatsapp in gergo labronico diventati virali 

Livorno, 26 gennaio 2022 - Un tormentone che ha attraversato Livorno. Un passaparola social, un tam tam via whatsapp che è poi entrato nella vita quotidiana. Veronica, Rushenka, il protocollo covid e una serie di espressioni piuttosto colorite: in questi giorni Livorno non parla d'altro. I vocali whatsapp di Veronica Pirone, livornese doc, forte accento labronico, hanno fatto sorridere la città e non solo.

Sì perché la donna è improvvisamente diventata famosa anche fuori dai confini cittadini. E un voto a "Rushenka" è addirittura stato espresso alla seconda elezione per il nuovo Presidente della Repubblica. Gli audio whatsapp dovevano rimanere in una chat tra genitori di una classe, chat in cui era inserita la stessa Pirone.

Le sue colorite espressioni e il suo punto di vista sui protocolli covid hanno poi fatto sì che qualcuno abbia inoltrato i vocali al di fuori del gruppo. Da qui si sono sparsi a macchia d'olio. E il tormentone è diventato tangibile, reale: sono state create magliette, persino piadine e pizze con il nome diventato trend. "Rushenka" è il nome neanche reale ma storpiato di una delle mamme del gruppo whatsapp, mamme a cui la stessa Pirone si rivolgeva. Il Telegrafo ha intervistato la donna, diventata in pochissimi giorni popolare. 

"Confermo, tutto è nato così, da qualcuno che ha inoltrato ad altri dei vocali che dovevano rimanere nella chat - dice Veronica Pirone intervistata dal Telegrafo - Sono io, sono la mamma dell'ormai mitica Martina. Anche mia figlia è stata travolta come me dalla notorietà. Lavoro nel campo delle pulizie".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?