Quotidiano Nazionale logo
13 gen 2022

Scuola di droni Un corso di pilotaggio

Formazione per i giovani, come partecipare. Dalla logistica alle riprese per cinema e tv

Il corso di operatore dei sistemi e dei servizi logistici permette di pilotare correttamente i droni per tante applicazioni che si stanno affermando
Il corso di operatore dei sistemi e dei servizi logistici permette di pilotare correttamente i droni per tante applicazioni che si stanno affermando
Il corso di operatore dei sistemi e dei servizi logistici permette di pilotare correttamente i droni per tante applicazioni che si stanno affermando

Saper pilotare un drone è sicuramente suggestivo, oltre a essere una capacità che può essere sfruttata negli ambiti più disparati, dalle riprese per gli effetti speciali nei film di Hollywood fino a quelle utili per ridefinire la cartografia o quantificare i danni dall’alto a seguito di un evento calamitoso. Senza dimenticare che questi dispositivi a pilotaggio remoto sono destinati a rivoluzionare (e lo stanno già facendo) l’ambito della logistica, in quanto in un futuro a breve-medio termine probabilmente prenderanno il posto, o almeno affiancheranno, i corrieri nelle consegne delle merci. Per cui il corso “Logos 2.0” – con sede a Livorno, le cui iscrizioni sono aperte fino al 28 gennaio sul portale “Scuola in Chiaro” del Miur al pari delle altre scuole superiori – è un’opportunità da cogliere al volo per chi esce dalla scuola media e deve scegliere che strada prendere per il proprio futuro: organizzato da Formatica Scarl e gratuito grazie ai fondi del progetto regionale “GiovaniSì”, con tre anni di formazione mira a formare nuove figure di “Operatore dei sistemi e dei servizi logistici – Addetto alle operazioni di spedizione” (figura 149 – livello 3 EQF). L’addetto alle operazioni di spedizione trova occupazione in tutte le aziende di produzione, commerciali e logistiche. È generalmente ricercato sul mercato del lavoro nel ruolo più operativo per la movimentazione delle merci, per poi raggiungere, con la dovuta esperienza professionale ruoli di responsabilità del reparto spedizioni eo di altri settori operativi del magazzino con relativo coordinamento di risorse. Ma non finisce qui, perché comunque al termine del percorso triennale l’iscritto se vuole cimentarsi nuovamente sui banchi di scuola può farlo, ripartendo dalla quarta professionale. Quindi – mentre si apprendono i segreti di una professione – rimane aperta un’ulteriore strada da percorrere. Senza contare che questi tre anni di formazione consentono di adempiere l’obbligo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?