Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
8 mag 2022

"Smantellamenti, così non va"

Piombino, la Fiom chiede un incontro a Jsw per la questione dello smontaggio dell’altoforno

8 mag 2022
La manifestazione di mercoledì scorso a Piombino
La manifestazione di mercoledì scorso a Piombino
La manifestazione di mercoledì scorso a Piombino
La manifestazione di mercoledì scorso a Piombino
La manifestazione di mercoledì scorso a Piombino
La manifestazione di mercoledì scorso a Piombino

Smantellamento dell’altoforno e dell’area a caldo affidati a un’azienda specializzata che fornirà un servizio ’chiavi in mano’: dopo la notizia anticipata da La Nazione, ieri ci sono state molte reazioni. A partire dal segretario della Fiom David Romagnani che chiede il coinvolgimento del personale attualmente inattivo o disoccupato di Piombino. "Uniformandosi al perfetto stile ermetico del Ministero dello Sviluppo Economico – afferma il rappresentante dei lavoratori – apprendiamo dalla stampa che la direzione aziendale di JSW avrebbe affidato le opere di smantellamento degli impianti altoforno acciaieria e quant’altro non ritenuto necessario, ad un’azienda che, chiavi in mano dovrebbe avviare le demolizioni e smantellamenti di tutti gli impianti". "Prima ancora di rappresentare uno schiaffo alle organizzazioni sindacali e alle Istituzioni locali è uno schiaffo ai tanti lavoratori in cassa integrazione, ai tanti lavoratori delle imprese locali e ai tanti lavoratori in cerca di un’occupazione che attraverso quelli smantellamenti avrebbero potuto trovare un parziale sostegno economico e un briciolo di dignità nel ritornare al lavoro. Ancora una volta il gigante multinazionale ha guardato più al portafoglio che al cuore, contrariamente a quanto aveva annunciato al teatro Metropolitan Nei prossimi giorni come organizzazione sindacale Fiom, siamo convinti insieme alle altre, chiederemo un incontro per chiarire e per chiedere che quell’attività si traduca in ricaduta occupazionale locale. Se questo è l’incipit chiederemo alle amministrazioni quali strumenti di garanzia metteranno in campo, più stringenti di quanto stia facendo la multinazionale, perché la narrazione delle bonifiche si traduca veramente in occupazione locale e non in una mera propaganda che allontana ancora di più e disillude ancora di più le persone da chi li rappresenta. "È giunto il momento che Jsw onori gli impegni presi. E se l’imprenditore non rispetta tali impegni, dev’esser sanzionato" conclude Romagnani. Sulla situaizone delle Acciaierie Jsw interviene anche la Cgil con il segretario provinciale ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?