Sabato notte era stato portato all’ospedale di Cisanello perché aveva accusa un malore. Poche ore dopo era stato dimesso e aveva partecipato al programma Tv Uno Mattina in famiglia, intervistato da Tiberio Timperi. Stava meglio ma Paolo Bucinelli, 68 anni, da tutti conosciuto come il sensitivo Solange, era...

Sabato notte era stato portato all’ospedale di Cisanello perché aveva accusa un malore. Poche ore dopo era stato dimesso e aveva partecipato al programma Tv Uno Mattina in famiglia, intervistato da Tiberio Timperi. Stava meglio ma Paolo Bucinelli, 68 anni, da tutti conosciuto come il sensitivo Solange, era atteso da un tragico destino, è stato trovato morto ieri pomeriggio nella sua abitazione nelle campagne di Collesalvetti, in località Mortaiolo. Viveva da solo dopo la morte della madre avvenuta parecchi anni fa. La tragica scoperta dopo che i vigili del fuoco hanno sfondato la porta della casa. I pompieri sono stati avvertiti da Nicola Rossi, proprietario di 50 Canale di Pisa, da quasi vent’anni amico di Solange. Era lui che lo aveva accompagnato al pronto soccorso sabato notte. Ma da mercoledì Paolo non ha più risposto all’amico che ha provato a chiamarlo anche dall’esterno della casa e sentiva gli squilli della chiamata che arrivavano dall’interno. A questo punto ha chiamato i vigili del fuoco e di forzare la porta. E’ stato così che la tragica verità è venuta a galla. Il corpo di Bucinelli sarà restituito ai familiari, appena espletate le formalità di rito. Non sarà eseguita l’autopsia, spiegano i carabinieri, poiché per il magistrato il decesso è compatibile con le cause naturali come sostenuto dal medico intervenuto sul posto. Secondo gli accertamenti effettuati, l’appartamento era in ordine e chiuso dall’interno, visto che i vigili del fuoco sono dovuti entrare dalla finestra, e sul cadavere non c’erano segni di violenza.