Quotidiano Nazionale logo
14 mag 2022

Super bollette nelle case popolari "Si chiede la lettura puntuale"

Assemblea fiume con i residenti il presidente Canovaro e il Movimento Consumatori

L’assemblea di Casalp e Movimento Consumatori con i cittadini
L’assemblea di Casalp e Movimento Consumatori con i cittadini
L’assemblea di Casalp e Movimento Consumatori con i cittadini

Come in parte aveva già annunciato il presidente di Casalp Marcello Canovaro a ’La Nazione’, si stanno delineando gli interventi per cercare di risolvere i problemi causati dai conguagli, specie per i consumi idrici, molto onerosi per gli inquilini del blocco di edilizia popolare di via Città del Vaticano tra i civici 86 e 96. Problemi che le famiglie avevano segnalato sempre a La Nazione la scorsa settimana. Si è infatti svolta l’annunciata assemblea tra gli assegnatari (molti dei quali si sono iscritti al Movimento Consumatori), per discutere la modifica della ripartizione dei consumi idrici fatta dal gestore delle case popolari Casalp spa. Nell’assemblea il coordinatore del gruppo degli inquilini Stefano Carovano e Benedetto Tuci, presidente regionale del Movimento Consumatori, hanno illustrato le criticità ovvero "gli importi economici elevati da pagare per ogni famiglia e le mancate letture dei contatori dell’acqua". Hanno partecipato all’assemblea il presidente di Casalp Marcello Canovaro, il funzionario dell’azienda il geometra Minuti e i consiglieri comunali Andrea Romiti (FdI), Lucia Grassi (Cinque Stelle) e Alessandro Perini (Lega). C’era anche una trentina di assegnatari. "Ho fatto presente l’insostenibilità di una metodo di calcolo della ripartizione dei costi del servizio idrico in base agli abitanti di ciascun appartamento. – riferisce Tuci – La corretta ripartizione deve avvenire attraverso la lettura dei contatori e i consumi puntuali di ogni famiglia. Ogni appartamento ha il contatore individuale".

Il presidente di Casalp ha parlato della possibilità di "contrattualizzare con Asa ciascun appartamento, ma con maggiori costi per tutti". Dopo un animato dibattito tra assegnatari, consiglieri comunali e Casalp, Canovaro ha proposto di incaricare un addetto per la lettura dei contatori per arrivare a una ripartizione diversa dei consumi, fa sapere Tuci.

M.D.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?