Pisa, 3 aprile 2021 - Alla fine l’esame universitario l’ha fatto, anche se non è dato sapere se lo abbia superato o meno, ma adesso sarà sottoposto a procedimento disciplinare da parte della Ctt Nord e rischia una punizione esemplare. Protagonista della vicenda, filmata da qualcuno ai tempi degli esami a distanza e postata su YouTube, è un autista livornese in servizio su un autobus di linea che giovedì mattina ha pensato bene di collegarsi, probabilmente con il suo smartphone, posizionato a sinistra del posto di guida, sulla piattaforma digitale impiegata abitualmente dall’ateneo per la discussione degli esami, in streaming, la costruzione di aule virtuali per seguire le lezioni a distanza.

Dall’altra parte c’era pronto a esaminarlo il professor Vincenzo Pinto, ordinario di Diritto commerciale all’università di Pisa. Il video che costerà probabili (e severe) sanzioni disciplinari all’autista dura poco più di un minuto e restituisce per intero lo sbigottimento del docente di fronte alla situazione: l’autista cala la mascherina per qualche istante con il chiaro intento di farsi riconoscere dal suo insegnante che sgrana gli occhi e chiede "Scusi.... (pronuncia anche il nome dello studente-lavoratore, che omettiamo per questione di privacy, ndr) ma lei sta guidando l’autobus?".

«Sì», è la risposta serafica del conducente che precipita il professore nello sconforto: "Ma no, senta non riesco a farle sostenere l’esame. E’ scritto dappertutto che non si può parlare all’autista e se dovesse succedere qualcosa mi sentirei responsabile". Pinto però tende (lodevolmente) comunque la mano al suo studente e gli chiede "a che ora finisce il turno?", offrendo all’autista della Ctt di sostenere l’esame dopo le 14 quando avrà finito di lavorare.

E così è realmente stato. Raggiunto al telefono da ‘La Nazione’, il professore non ha però voluto commentare l’episodio "anche per non alimentare situazioni già probabilmente negative per questa persona che era lì per guadagnarsi il pane e che ora rischia di subire provvedimenti disciplinari".

E questo sembra infatti l’inevitabile epilogo per lo studente-lavoratore. L’azienda di trasporto pubblico locale, non appena è venuta a sapere del video e avere acquisito il filmato postato sui social, ha immediatamente aperto un procedimento disciplinare nei confronti dell’autista "beccato" a sostenere un esame universitario proprio durante il turno di lavoro e alla guida del mezzo per le vie di Livorno.

Gab. Mas.