Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Telegrafo Livorno logo
25 mag 2022

Villa Rodocanacchi, riapre il parco

E’ stato pulito dai volontari di Reset e Anpana. Un luogo fantastico per troppi anni abbandonato

25 mag 2022
simone bacci
Cronaca
Volontari a. lavoro per ripulire il parco di Villa Rodocanacchi
Volontari a. lavoro per ripulire il parco di Villa Rodocanacchi
Volontari a. lavoro per ripulire il parco di Villa Rodocanacchi
Volontari a. lavoro per ripulire il parco di Villa Rodocanacchi
Volontari a. lavoro per ripulire il parco di Villa Rodocanacchi
Volontari a. lavoro per ripulire il parco di Villa Rodocanacchi

di Simone Bacci

Per la prima volta dopo molti anni la storica Villa Rodocanacchi di Monterotondo sarà riaperta al pubblico domenica 29 maggio, anche se limitatamente all’anello ovale asfaltato, che sarà messo a disposizione per parcheggiare le auto durante l’evento "I suoni della natura" nell’adiacente Villa Maurogordato. L’anello del parco antistante alla villa è stato messo a disposizione degli organizzatori dell’evento dall’Asl su richiesta della Provincia, in quanto il poco spazio disponibile per il parcheggio nella zona avrebbe potuto limitare l’afflusso alla manifestazione. Il parco è stato ripulito dai volontari di Reset Livorno e di Anpana: "E’ stato un lavoro lungo e faticoso – sostiene Pino Pera dell’associazione Reset Livorno – in cui abbiamo riempito 5 furgoni di sfalci provenienti soltanto dal perimetro laterale dell’anello, il resto del parco fino alla villa padronale lo ha sistemato la Provincia". È un lavoro importante quello svolto dai volontari, che ha riportato alla luce la vecchia fermata del bus all’interno del parco, alcune statue deturpate e tutto l’asfalto coperto dai rovi. Ad accompagnarci nella visita, insieme a Pino Pera, ci sono Franco Fantappiè dell’associazione Anpana e Libero Michelucci dell’associazione culturale Osservatorio Monterotondo, e mentre attraversiamo l’anello notiamo la grandiosità di uno dei parchi più grandi e belli della città.

Villa Rodocanacchi è una villa status symbol della borghesia ottocentesca cittadina, in quanto fu acquistata dal facoltoso commerciante di origine greca Emanuele Rodocanacchi da Giovanni Grant nel 1843, che a sua volta la comprò nel 1822 dalla famiglia nobiliare degli Scheriman, di origine armena. La famiglia Rodocanacchi trasformò la villa in una delle tenute nobiliari più suggestive della città, il suo parco di ben 11 ettari aveva un laghetto artificiale, diverse stalle, mulini e altre costruzioni con particolari di rilievo, tra cui piante esotiche e giardini romantici con elementi arabeggianti. L’anello che sarà usato come parcheggio si dice che fosse l’autodromo della famiglia, ma quel che un tempo colpiva ancora di più i visitatori sono gli interni della villa: oltre a molti affreschi di valore artistico che oggi non ci sono più, erano rimaste intatte diverse sale, alcune con i pavimenti mosaicati con figure arabeggianti. Guardando la villa da fuori purtroppo si può notare che il tetto è crollato all’interno dell’ultimo piano, ormai esposto alle intemperie. La villa fu donata dagli ultimi proprietari alle istituzioni sanitarie, e divenne dapprima un centro elioterapico, poi un padiglione di ortopedia e infine la sede amministrativa e legale dell’Azienda Usl, che dal 1995 chiuse il parco al pubblico.

Nel 2011 fu infine sgomberata dai mobili per trasferire gli uffici all’interno dell’ospedale di viale Alfieri, e da allora la villa è caduta in un completo stato di abbandono. Nelle ultime visite documentate al suo interno si possono vedere i locali completamente vandalizzati, e anche occupati sporadicamente da famiglie indigenti in cerca di riparo, finché non è stata murata definitivamente per impedirne ogni ingresso. "Sembrava impossibile - continua Pino Pera - e invece, grazie alla disponibilità dell’Asl, questo è soltanto un primo passo per consentire ai cittadini di riprendere contatto con uno spazio meraviglioso della città".

Simone Bacci

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?