Violenza
Violenza

Livorno, 18 agosto 2018 - Dovrà tenersi lontano dai luoghi frequentati dalla ex convivente il 35enne livornese raggiunto oggi dalla misura cautelare di divieto di avvicinamento emessa dal gip di Livorno e notificatagli dalla polizia. Le indagini, coordinate dal procuratore Ettore Squillace Greco, avrebbero permesso di contestare all'uomo una serie di reati: maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate, atti persecutori, minacce (anche contro i familiari della donna) e violenza sessuale, a partire dal 2016.

Le indagini sono iniziate dopo due denunce presentate dall'ex convivente e grazie alla testimonianza di numerose altre persone che erano a conoscenza dei fatti: più volte la donna avrebbe dovuto far ricorso alle cure del pronto soccorso. Due gli atti veri e propri di violenza sessuale: una volta l'avrebbe costretta a subire palpeggiamenti nonostante il suo diniego e, nell'episodio più grave, l'avrebbe costretta a subire un rapporto completo. Numerosissime le telefonate indirizzate all'ex convivente con la pretesa di essere ascoltato da lei.