Bibbona (Livorno), 28 febbraio 2021 - È in corso, a quanto si apprende, il vertice dello stato maggiore del M5S sul futuro assetto del Movimento. Giornalisti, fotografi e operatori tv restano appostati davanti al cancello di Villa Corallina, in via dei Pini 3, nella speranza di intercettare Giuseppe Conte e Beppe Grillo, ma il vertice "fisicamente" sarebbe in corso all'hotel Forum di Roma.

L’incontro doveva rimanere segreto e il fatto che sia trapelato sulla stampa ha fatto infuriare un po’ tutti. In primis il garante del Movimento e ospite della riunione: "Di ciò di cui non si può parlare, si deve tacere", scrive in un tweet Beppe Grillo.

Grillo che cita l’aforisma di Ludwig Wittgenstein tuonando contro la fuga di notizie. L’indiscrezione ha indispettito anche il presidente di Rousseau, Davide Casaleggio che, non si sa se perché non invitato o per tenersi fuori dalle diatribe, smentisce di aver in programma la sua partecipazione. Casaleggio, spiega l’Associazione Rousseau, sabato e domenica parteciperà alle due nuove tappe del tour per la costituzione dei nuovi meet-up digitali e "non ha altri impegni previsti". Il figlio del "guru" del M5S, quindi, non ci sarà - semmai la riunione venisse confermata - al gabinetto dello stato maggiore del M5S. Ma la fuga di notizie ha irritato un po' tutti nel Movimento.

Francesco Berti, deputato del Movimento eletto a Livorno, lancia il sasso: "A cosa è servito fare un anno di Stati generali del M5S, se poi la linea cambia sui giornali o nel fine settimana a Bibbona?"