Da sinistra: Salvetti, Franchi e Mirabelli
Da sinistra: Salvetti, Franchi e Mirabelli

Livorno, 15 maggio 2021 - Non erano a mangiare in uno di quei ristoranti in collina per non farsi notare. No, no, stavano rientrando verso il Comune, ieri intorno alle 15,30. Il sindaco parlava e gesticolava. Si sono fermati proprio davanti alla Provincia per ascoltare meglio le parole del primo cittadino. Poi, voltandosi, hanno visto la cronista e non hanno potuto cambiare strada. Di che parlate? Luca Salvetti, il neo segretario territoriale del Pd Alessandro Franchi e il segretario comunale Federico Mirabelli ridevano senza rispondere.

"Non ci siamo nascosti eh?", dice Salvetti. Come sta il Pd? Sempre il sindaco ha risposto: "Chiedilo a loro!". Avranno un bel po’ di cose da dirsi visto che, con l’elezione di Franchi, il Pd livornese cerca di voltare pagina e di accorciare le distanze dal primo cittadino accusato, da qualche consigliere malpancista, di troppa autonomia anche nella distribuzione di alcuni incarichi: dalla direzione del teatro Goldoni – Del Gamba e Menicagli entrambi vecchie conoscenze del primo cittadino – alla presidenza del Lem affidata a Tramonti, una ’scatola’ i cui contenuti sono stati – e continuano ad essere – piuttosto nebulosi.

Michela Berti