Forti
Forti

LIBERTAS 85 - FAENZA 70

LIBERTAS: Ammannato 12, Del Monte ne, Mancini, Onojaife, Forti 20, Geromin, Ricci 19, Vivone, Salvadori 7, Bonaccorsi, Casella 12, Marchini 15. All. Garelli
FAENZA: T esta 13, Anumba 10, Rubbini 14, Marabini ne, Calabrese ne, Ballabio 12, Ly-Lee 2, Filippini, Iattoni 2, Solaroli ne, Petrucci 8, Pierich 9. All. Serra
Parziali: 27-17, 16-19, 22-15, 20-19.

Livorno, 21 aprile 2021 - Undicesima meraviglia per una Libertas stratosferica che rimanda a casa battuta anche Faenza, una delle squadre più in forma del girone. Senza Castelli e Toniato (caviglia ancora gonfia), Garelli riesce comunque a mandare in campo un quintetto molto agguerrito. E fin dalle prime battute si percepisce subito che la Libertas non ha assolutamente intenzione di mollare la presa, ma vuole salire la scala gradino dopo gradino, come ha detto Casella alla vigilia. I bianco amaranto ritrovano anche il feeling con il canestro da 3, vero marchio di fabbrica di questa squadra, piazzando un 7/9 pazzesco con due canestri a testa di Forti, Casella e Marchini e uno di Salvadori. I ragazzi di Garelli partono subito forte e strappano fino al 19-7, ma Faenza non cede e recupera fino al 21-17. Poi Marchini sale in cattedra e con due bombe chiude il primo quarto sul 27-17.

La seconda frazione vive di continui strappi dall’una e dall’altra parte, con difese forti e percentuali al tiro che si abbassano. Faenza ha il merito di rientrare a -4, prima che Forti in penetrazione e Marchini dall’arco ristabiliscano le distanze (41-32). Con due azioni fotocopia, Ballabio si procura canestri dalla media che mandano al riposo sul 43-36. Pesano in casa Libertas le 13 palle perse, alcune delle quali in maniera molto ingenua che permettono alla squadra di Serra (ex assistente di Garelli) di restare sempre in partita senza sprofondare. Soffrono Forti e compagni al rientro dagli spogliatoi, con i neroverdi che tornano a un possesso (43-41): da lì continui minibreak dall’una e dall’altra parte finché Casella, Forti e Ammannato danno lo strappo giusto (60-49) con la bomba del capitano che incendia la retina.

Libertas in pieno controllo del gioco con Casella servito magnificamente da Forti che fissa il punteggio sul 65-51. Nemmeno il -14, però, annichilisce Faenza, che un 6-0 riapre il match e non permette alla Libertas di rifiatare neanche un attimo. Poi Antonello Ricci sale in cattedra, mitraglia dalla distanza e la Libertas torna a distanza di sicurezza (83-70) a 1 minuto dalla fine. Forti dalla lunetta realizza il ‘ventello’ e chiude la partita sull’85-70: vittoria pesantissima, l’undicesima di fila per una squadra che sta facendo impazzire Livorno. Adesso c’è giusto il tempo di rifiatare un attimo, perché sabato sera si torna in campo con la trasferta in casa del fanalino di coda Alessandria. Una gara da non sottovalutare, per evitare brutte sorprese nel classico testa-coda. Forti miglior marcatore, ma ben cinque uomini in doppia cifra per la squadra di Garelli che vola solitaria, sempre più convinta dei propri mezzi.

Igor Vanni